fbpx
Cronache

Femminicidio, le mamme di due giovani vittime ricevute da Alfonso Bonafede

Vera Squatrito e Giovanna Zizzo, madri, rispettivamente, di Giordana di Stefano e Laura Russo, due giovani catanesi vittime di femminicidio sono state ricevute a Roma dal Ministro della Giudizio, Alfonso Bonafede.

La richiesta di incontro con il titolare di via Arenula è partita da Vera Squatrito. La madre di Giordana di Stefano, la ventenne uccisa a coltellate dall’ex compagno geloso nel 2015, ha scritto al guardasigilli chiedendo di essere ascoltata, insieme all’amica Giovanna Zizzo, per poter esporre di persona le questioni di ordine pratico e psicologico con cui si trovano a dover fare i conti le famiglie delle donne vittime di violenza.

«Chi perde una persona cara per mano di un uomo violento è costretto a scontare una sorta di condanna perenne-hanno spiegato le due mamme- noi familiari siamo condannati una sorta di ergastolo del dolore e per questo motivo chiediamo che l’assistenza psicologica ed economica per chi ha perso in modo traumatico un congiunto sia garantita per legge e in modo certo, specie per gli orfani delle donne vittime di violenza», hanno detto Vera Squatrito e Giovanna Zizzo.

Durante l’incontro ministro Bonafede ha garantito il suo impegno per soddisfare le giuste richieste delle due mamme catanesi

«È stato un incontro a tratti commovente – racconta Simona Suriano – durante il quale il ministro ha ascoltato attentamente le richieste delle due donne. Le mamme si son sentite soddisfate dell’incontro e per la prima volta hanno sentito le istituzioni attente al loro dolore».

«Come esponente 5 stelle mi sento orgogliosa e fiduciosa delle parole del ministro e del lavoro del governo per prevenire la violenza sulle donne -aggiunge la Suriano. Il ddl  “codice rosso” per dare una corsia preferenziale ai casi di denuncia per stalking e violenza domestica è un passo importante, adesso occorre lavorare sull’accessibilità ai fondi per le vittime di violenza domestica».

EG.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.