Cronache

Fatti brillare ordigni esplosivi ritrovati alla scogliera

Sono stati fatti brillare ordigni esplosivi alla scogliera di Catania, un’altra emergenza bomba sul litorale catanese.

Infatti, i palombari del Gruppo operativo subacquei del comando subacquei ed incursori (Comsubin) della Marina militare, in servizio al Nucleo Sdai di Augusta (Sminamento difesa antimezzi insidiosi), distaccati al Comando Marittimo Sicilia, sono intervenuti per rimuovere 5 pericolosi ordigni esplosivi.

Informata dalla locale Capitaneria di porto del ritrovamento di potenziali ordigni esplosivi, la Prefettura di Catania allora aveva richiesto un intervento di bonifica d’urgenza al Gruppo operativo subacquei, con l’intenzione di rimettere in sicurezza le zone dove era avvenuto tale ritrovamento.

Provvidenziale la segnalazione di un bagnante, il quale aveva visto nelle prossimità di uno stabilimento balneare, a circa 40 cm di profondità, dei manufatti simili a proiettili.

I palombari della Marina sono dunque riusciti ad individuare e rimuovere quattro proiettili medio calibro ed una bomba a mano tipo «Srcm», i quali erano presenti in quelle acque da oltre 70 anni.

Gli ordigni sono stati trainati fino ad una zona, segnalata dall’Autorità marittima. Qui sono stati fatti brillare secondo le tecniche previste al fine di  preservare l’ecosistema marino.

Sono così state ripristinate le condizioni di sicurezza della località balneare.

Immagine in evidenza di repertorio.

EG. EF.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.