fbpx
NeraNews in evidenza

Extracomunitario perseguiva donna, arrestato

La mattina del 7 novembre 2016, la Polizia di Stato ha tratto in arresto, in flagranza di reato, R.V., (cl. 1970), ritenuto responsabile del reato di atti persecutori.

L’attività d’indagine traeva spunto dalla denuncia presentata da una professionista della provincia catanese, che narrava di subire continui atti persecutori da parte di un cittadino mauriziano.

Questi aveva lavorato come badante per l’anziano padre della vittima, poi deceduto, nell’abitazione sita in un comune dell’hinterland etneo, ed aveva quindi iniziato, approssimativamente dalla Pasqua del 2014, a tenere comportamenti persecutori, che consistevano nel porre in essere continue telefonate e messaggi scritti e vocali nei confronti della donna, di cui riusciva ad ottenere anche la nuova utenza telefonica nonostante la stessa avesse cambiato sim, nonché nel farsi trovare nei luoghi frequentati dalla donna o presso lo studio ove la stessa esercita la professione, sito nel centro cittadino, ove altresì, non esitava a citofonare.

L’attività d’indagine confluiva in apposita comunicazione di reato alla Procura della Repubblica, ed il P.M. titolare delle indagini conferiva delega alla P.G. – sezione specializzata della Squadra Mobile.

Pertanto, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria, la prima mattina del 7 novembre 2016, personale della Squadra Mobile, dopo aver appreso che la vittima sarebbe giunta a Catania, effettuava un servizio di appostamento nei pressi dello studio professionale della donna. Gli operatori scorgevano il cittadino mauriziano a poche decine di metri dallo studio professionale suddetto: lo stesso era intento ad effettuare una telefonata.

Una volta bloccato, dalla visione del telefono emergeva che lo stesso era intento a telefonare al numero di cellulare in uso alla vittima, e che poco prima aveva contattato l’utenza fissa dell’abitazione della donna. Il telefono in questione veniva sottoposto a sequestro, ed il cittadino extracomunitario veniva tratto in arresto.

Inoltre, essendo stato accertato che il suddetto cittadino extracomunitario non era in regola con il permesso di soggiorno in Italia, venivano avviate le pratiche per l’espulsione dello stesso dal territorio nazionale.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button