fbpx
CronachePrimo Piano

Ex presidente GayLib insultato per essere ex candidato di Musumeci

Per il popolo Facebook impossibile essere gay e di destra

Per il popolo di Facebook è impossibile essere gay e uomo di destra insieme. Lo sa bene l’ex presidente di GayLib, Sandro Mangano, che nel 2012 è stato candidato in una lista a sostegno di Nello Musumeci.

C’è chi augura la “selezione naturale”, chi non risparmia una bestemmia per evidenziare il suo disappunto e chi invoca direttamente le “legnate”.

La “colpa” di Mangano, a leggere i commenti a corredo di una vecchia intervista rilasciata all’epoca della candidatura alle regionali, sarebbe quella di professarsi omosessuale ma anche sostenitore della politica del centrodestra.

“È semplicemente vergognoso – sostiene l’ex presidente di GayLib, che ha deciso di rendere nota la disavventura pubblicando sul suo profilo Facebook tutti gli screenshoot con gli insulti ricevuti – non potere esprimere liberamente un’opinione senza dover subire insulti pesanti e umiliazioni da una parte del mondo gay. Ho scelto di sostenere Musumeci nel 2012 mettendoci la faccia e ancora oggi, nel 2017, pur tenendomi lontano dalla competizione politica, continuo a credere nelle capacità di Nello e nello spirito del centrodestra”.

“Mi sembra assurdo – conclude Mangano – essere messo alla gogna da una parte di quegli omosessuali che si battono solo a parole per la libertà e per il pluralismo, ma non esitano a diventare razzisti e spietati con chi esce fuori dal loro perimetro ideologico. A questo punto non mi resta altra scelta che denunciare. Io non mollo, e continuerò a rivendicare con orgoglio le mie idee e i miei ideali”.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button