fbpx
CronacheNews in evidenza

Evasione scolastica: denunciati 31 genitori

Operazione contro l’evasione scolastica in alcuni comuni della zona jonica, dove i Carabinieri della Stazione di Sant’Alfio hanno denunciato per il reato di inosservanza continuata dell’obbligo di istruzione dei minori 31 genitori, responsabili di aver procurato l’evasione scolastica dei propri figli.

I militari hanno analizzato l’anno scolastico in corso ponendo la loro attenzione sugli istituti di istruzione primaria e secondaria  prendendo così contatti con i dirigenti scolastici per individuare casi di inadempienze da parte dei minori sottoposti agli obblighi di istruzione.

Sono state così analizzate caso per caso tutte le varie assenze maturate dagli studenti al fine di poter individuare quelle che per numero e frequenza fossero riconducibili alla fattispecie penale della violazione degli obblighi di istruzione scolastica.

Il lavoro dei militari non si è fermato alla denuncia o alla segnalazione del singolo caso di abbandono scolastico: di volta in volta le varie situazioni accertate sono state approfondite e vagliate proprio per verificare tutti gli aspetti e i segnali che potessero far presumere uno stato di abbandono, una situazione di degrado,  facendo scattare, nei casi dovuti, l’intervento delle istituzioni preposte per l’adozione di idonee misure a tutela dei giovani.

I genitori, per giustificare l’abbandono scolastico o la frequentazione saltuaria, hanno dichiarato di aver assecondato la volontà dei figli; in altri casi la scelta è stata dettata dall’intima convinzione che lo studio poi non sia così importante, meglio un buon lavoro (magari in nero)  negando loro, di fatto,  ogni possibilità di  crescita culturale che possa dar loro una coscienza per costruire un futuro migliore.

I controlli saranno svolti senza soluzione di continuità per cercare di contenere il grave fenomeno sociale che rischia di non dare un futuro a questi ragazzi.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button