fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Esplosione in zona Cibali, donna ferita in terapia semi-intensiva

Catania – Nella giornata dello scorso lunedì 2 gennaio, intorno alle ore 10.30 si è verificata un’esplosione nel quartiere Cibali, in via Sava. Nell’esplosione, che avrebbe provocato la parziale caduta di due palazzine, sarebbero rimaste ferite tre persone. Fra queste resta grave una 25enne adesso ricoverata nel reparto di terapia semi-intensiva dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Catania.

L’esplosione sarebbe partita da una casa ancora disabitata al cui interno qualche giorno prima delle persone avevano festeggiato il capodanno. E’ possibile che questi avessero accesso i riscaldamenti non considerando la fuoriuscita del gas dal vano cucina non essendovi montato ancora alcun termoconvettore.

La donna, A.L. di anni 25, la mattina dello scoppio aveva ricevuto in casa alcuni operai che le avevano fatto recapitare un mobile precedentemente acquistato e si era rimessa a letto, si trovava infatti coricata quando il forte boato ha distrutto l’appartamento della palazzina; a proteggerla da ferite alla testa sarebbe stata la testata del letto. Per il resto ha riportato una costola rotta e denti scheggiati. Non si parla al momento né di prognosi né delle possibili dimissioni.

La magistratura avrebbe aperto un’inchiesta sul caso al fine di capire quale sia stata la causa dell’esplosione: secondo alcuni, quanto pervenuto dai primi rilievi avrebbe portato alla luce la presenza di allacci abusivi alla rete del gas in tutta la zona, anche se al momento non risulta alcun nesso con l’evento di cui sopra e la deflagrazione al terzo piano di un palazzo costruito di recente, come riporta meridionews.

Anche un’altra della tre vittime, una donna con due bambini rimasti illesi, sarebbe rimasta ferita. La donna è stata trasportata all’Ospedale Garibaldi di Catania.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button