fbpx
LettureLibriLifeStyle

A Legacy of Spies: il nuovo romanzo di John le Carré

Il libro è il sequel del mitico La spia che venne dal freddo

John le Carré ricomincia da George Smiley: oltre cinquant’anni dopo La spia che venne dal freddo, il leggendario maestro della spy story ne ha scritto il sequel, in uscita nelle librerie USA e britanniche il 5 settembre.

Per l’85enne scrittore ed ex agente dell’MI6, A Legacy of Spies è il ventiquattresimo romanzo. Il libro prende le mosse nella Londra di oggi, oltre mezzo secolo dopo la tragica conclusione del suo predecessore all’ombra del Muro di Berlino. La nuova avventura, in cui Smiley ha un ruolo da comparsa (come del resto, a onor del vero, succedeva in La spia che venne dal freddo. Il personaggio, ricordiamo, aveva fatto il suo esordio nel romanzo Chiamata per il morto), non potrebbe essere più attuale, sullo sfondo delle tensioni che hanno coinvolto spie russe sulle due sponde dell’Atlantico e le accuse di interferenze del Cremlino nelle elezioni americane e europee che hanno dominato le prime pagine dei giornali negli ultimi mesi.

A Legacy of Spies intreccia passato e presente. Il vero protagonista del nuovo romanzo è Peter Guillam, la fidata spalla di Smiley dell’epoca del Circus, come nei libri di Le Carré venivano chiamati i servizi segreti britannici.

(ANSA)

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button