fbpx
Politica

Elezioni comunali 2020: i comuni etnei al voto

Quest’autunno vedrà le nuove elezioni comunali in alcune cittadine del territorio siciliano. Nei giorni di domenica 4 e lunedì 5 ottobre 2020, infatti, in 60 comuni della regione si voterà per i nuovi sindaci e i consigli comunali. L’eventuale ballottaggio, invece, è previsto per i giorni 18 e 19 ottobre. 

Molti i comuni sciolti per mafia

Nel corso dei mandati comunali degli ultimi anni, diversi comuni risultano indagati per corruzione con conseguente scioglimento della giunta per mafia. Nella provincia etnea, infatti, il comune di Trecastagni è stato sciolto per infiltrazioni mafiose con D.P.R del 11 maggio 2018. Trecastagni, inoltre, per ben 18 mesi, è stato retto da una gestione commissariale “straordinaria”, rinnovata per ulteriori 6 mesi, nel 2019. La scadenza della reggenza comunale è avvenuta lo scorso 8 maggio, dall’emissione del decreto prefettizio di scioglimento provvisorio. Stessa sorte è toccata ai comuni di Camastra e San Biagio Platani (Agrigento); Bompensiere (Caltanissetta) e Vittoria (Ragusa).

I comuni al voto

I comuni della provincia Etnea chiamati al voto sono, rispettivamente: Bronte, Mascali, Milo, Pedara, San Giovanni La Punta, San Pietro Clarenza, Trecastagni, Tremestieri Etneo. Si segnalano, inoltre, i comuni di Mascali, Trecastagni e San Pietro Clarenza per mancanza di un primo cittadino. San Pietro Clarenza, infatti, ha visto la riconferma, alle urne, di Giuseppe Bandieramonte. Tuttavia, nell’agosto del 2019 il Presidente della Regione Siciliana ha preso atto delle dimissioni del Sindaco e della cessazione della Giunta, nominando, quindi, un commissario straordinario, Salvatore Giuffrida, in sostituzione degli organi ordinari.

Per il Comune di Mascali, invece, nel 2015 la maggioranza va a Luigi Messina. Ma nell’ottobre 2018 il Presidente della Regione ha decretato lo scioglimento del consiglio comunale per la mancata approvazione del rendiconto di gestione. In sostituzione dell’organo decaduto, quindi, lo stesso ha nominato un commissario. Infine, Trecastagni. Nel paesino etneo, le elezioni del 2018 non sono state effettuate a causa dello scioglimento per mafia.

G.G.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker