Primo Piano

Elezioni avvocati. Si andrà verso il rinnovo? Vota oltre il 35%

AGGIORNAMENTO DEL 10/01/2019 17.00

In aumento l’affluenza alle urne per le elezioni del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati. Alle 17.00 viene infatti registrata una percentuale in merito di 35,17%. Il numero dei votanti sale a 1938.

AGGIORNAMENTO DEL 10/01/2019 09:27

Continua la grande affluenza alle urne: il numero dei votanti sale già a 1059 con una percentuale del 19,22%.

AGGIORNAMENTO DEL 09/01/2019  12.20

Grande confusione nel corso delle elezioni dell’ordine degli avvocati. Si registra già una certa affluenza alle urne a mezzogiorno del primo giorno di elezioni: il 13,07 % di 5510 elettori, ossia 720 votanti.

Da oggi e fino al 12 gennaio urne aperte per gli avvocati di Catania. Si vota per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine, quadriennio 2019 – 2022. Seggi aperti il 9 – 10 – 11 gennaio dalle 8.30 alle 17.00 e sabato 12 ma solo dalle 8.30 alle 13.00.

Si andrà verso il nuovo o verso gli “ineleggibili”?

La questione in ballo è se per l’elezione di questo nuovo consiglio si aprirà la strada verso il nuovo oppure se resteranno al potere le vecchie e già consolidate reti del sistema degli avvocati.

Persino la legge – la 113 del luglio 2017 – e la giurisprudenza, con una sentenza della Corte di Cassazione sarebbero per il principio dell’ineleggibilità di chi ha già svolto due mandati. Così si vota lo stesso anche se sono candidati quelli che potrebbero essere ineleggibili. Ci riprovano i consiglieri uscenti e quelli che hanno svolto già il doppio mandato consecutivo

La svolta sarebbe se i circa 5.700 avvocati catanesi, chiamati a votare, decidessero di non eleggere i “soliti”. In questo caso non si porrebbe neanche il problema ineleggibilità. La volta scorsa venne eletta in blocco la lista del presidente Maurizio Magnano San Lio dimessosi da pochi giorni per andare a ricoprire un nuovo e prestigioso incarico. Magnano San Lio aveva già annunciato che non sarebbe stato ricandidato

16 le preferenze che potranno essere accordate. Ma non esistono più le vere e proprie liste.

La legge Falanga a luglio scorso introduce questa “vecchia novità” che nel 2002 era stata introdotta dalla Corte Costituzionale per cui “non sussiste alcuna divisione formale dei candidati in liste e l’intuitus personae viene a costituire il solo elemento giuridicamente rilevante… (che imprime) alla votazione un carattere fortemente personalistico…”.

AGGIORNAMENTO DELLE 12.20

Grande confusione nel corso delle elezioni dell’ordine degli avvocati. Si registra già una certa affluenza alle urne a mezzogiorno del primo giorno di elezioni: il 13,07 % di 5510 elettori, ossia 720 votanti.

F.F.

IN AGGIORNAMENTO.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.