fbpx
Sport

Ecco chi è Massimo Neri

Il Catania volta pagina, la svolta tanto attesa da tutto l’ambiente rossazzurro, anche se tardiva, è arrivata quest’oggi con l’allontanamento del preparatore atletico Ventrone. Troppi i 28 infortuni muscolari subiti in questa stagione dagli atleti etnei per non far scattare il licenziamento dell’ex marine difeso strenuamente dai vertici societari, Cosentino in testa. Il Catania ha deciso di affidarsi a Massimo Neri, stimato professionista, molto conosciuto nel suo settore. Vanta infatti importanti esperienze in giro per il mondo sia nell’ambito di club: Juventus, Real Madrid, Roma ma anche di nazionali: Inghilterra e Russia.

Classe 1957, Neri è un fedelissimo di Fabio Capello, ha lavorato nella Roma dal 1999 al 2004, conquistando con i giallorossi lo scudetto nel 2000/2001. Seguirà Capello nell’esperienza juventina per un periodo che va dal 2004 al 2006 conquistando due scudetti, uno dei quali poi revocato in seguito allo scandalo “Calciopoli”. Conclusa l’esperienza a Torino, nel 2006/2007 Neri segui’ Capello a Madrid, le merengues quell’anno vinsero il 30esimo titolo. Conclusa l’avventura spagnola, seguirono esperienze prestigiose nelle nazionali Inglese (dal 2008 al 2012) e Russa. Nel 2009 ritorna alla Juventus, con Ferrara in panchina, che lo avrà nuovamente con se alla Sampdoria nel 2012.

Massimo Neri, molto stimato per la sua minuziosità, è un professionista che tiene molto ai particolari, le tabelle personalizzate per ciascun calciatore da lui elaborate ne sono una prova. Gradualità è la sue parola d’ordine, nessun carico di lavoro eccessivo. Molta importanza è riposta nella fase di recupero post gara, i due giorni successivi alla partita sono a detta di Massimo Neri fondamentali, durante questi è necessario non sovraccaricare il fisico dell’atleta. Un ruolo non secondario per Neri è attribuito all’alimentazione del calciatore che deve essere continuamente attenzionata, e ciò garantisce all’atleta, una volta raggiunta, il mantenimento di una condizione fisica costante nel tempo.

 

 

 

 

 

 

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker