fbpx
LifeStyle

Emily in Paris, arriva la seconda serie

È ufficiale, la serie tv che ha diviso l’opinione pubblica tornerà a far discutere

È ufficiale, arriverà la seconda stagione di Emily in Paris. Lo ha reso noto Netflix, colosso dello streaming, attraverso un post apparso sul profilo Instagram, specificando la necessità della pronuncia alla francese per il titolo della serie.

Emily, social media strategist interpretata da Lily Collins – figlia del noto Phil- è una giovane donna americana a cui viene proposto di andare in Francia per offrire il “punto di vista americano”.

La bella Emily arriva a Parigi con innocente ignoranza, o come viene etichettata dai colleghi francesi, con “l’arroganza dell’ignoranza”, divenendo in pochissimo tempo un’influencer di successo.

Creatori e produttori ce l’hanno messa tutta per dare credibilità e solidità a questo racconto

Darren Star, creatore di serie di successo come Sex and the city, Beverly Hills 90210 e Melrose Place, ha voluto come responsabile dei costumi Patricia Field, la stessa esperta che ha trasformato Carrie Bradshaw in un’icona. Insieme a lei altre due donne hanno reso glamour questa serie: l’hairsylist Mara Roszak e la makeup-artist Fiona Stiles, tra le più corteggiate dalle celebrities hollywoodiane.

Emily in Paris- fonte Instagram
Emily in Paris- fonte Instagram

Tantissime le citazioni e gli omaggi agli outfit che hanno fatto innamorare milioni di giovani donne: l’outfit della serata all’opera è un omaggio alla Hepburn in Funny Face. La gonna in tulle nero ricorda quella indossata da Carrie nell’ultimo episodio, ambientato sempre a Parigi, quando finalmente Mr.Big le dichiara il suo amore. Gli stessi orecchini con la scritta “Emily” strizzano l’occhio alla famigerata collana “Carrie”, che ha fatto storia. Impossibile non citare l’omaggio alla sfilata di Viktor and Rolf del 2019, il cui risultato finale lascia un po’ perplessi.

I look di Emily sono la ragione dell’interesse di molte, un mix di Chanel, Louboutin, Alexandre Vauthier mescolate a giacche antivento e borse low cost.

Il mito della French Girl è la tendenza che non passa mai di moda, uno stile unico, ricercato e osannato: film, serie tv, libri e persino pagine Instagram come  Parisien in Paris in cui si racconta per immagini lo street Style francese.

Probabilmente la storia di una giovane ragazza in carriera oggi potrebbe essere rappresentata diversamente. Tanti, forse troppi cliché sulla città più romantica del mondo e sui francesi.

Critiche dal prestigioso Le Monde, che parla di un’ operazione di “hate watching”, non solo per i cliché, ma anche per l’idea della giovane americana che con facilità ottiene il successo nel giro di una settimana. Le Figaro fa notare come il “Café de Flore” “non è cool da oltre 40 anni”. Senza considerare il fatto che, da diversi anni ormai, non è più possibile fumare nei luoghi pubblici e negli uffici.

Lavorare e vivere nella capitale francese è un sogno che si avvera per l’entusiasta Emily, che tuttavia finisce col trasformare la sua esperienza parigina in una “gita al luna park”.

Con o senza cliché la serie è tra le più viste su Netflix, sarà per la brevità degli episodi, o per il desiderio di libertà e leggerezza. Non possiamo che auguraci che la seconda serie possa superare gli stereotipi e farci sognare.

Tags
Mostra di più

Cinzia Grillo

Mi chiamo Cinzia Grillo, sono una mamma, una wedding planner ed una blogger. Sono appassionata di moda e buone maniere: credo fermamente che la gentilezza potrà cambiare il mondo. Credo nella bellezza, come elemento imprenscindibile della nostra vita. La scrittura è una delle mie forme d’arte e di espressione, oggi mi occupo di lifestyle e curo il blog “Garini Immagina” sul matrimonio. Mi sono sempre lasciata trascinare dalle passioni: la mia grande fortuna è stata riuscire a trasformare in lavoro le mie passioni.  

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker