fbpx
Politica

Dopo le minacce dell’opposizione, la maggioranza trova i numeri

Catania – Quando l’opposizione si era ormai compattata, decidendo di chiedere il commissariamento sui servizi di gestione dei rifiuti urbani., il consiglio riesce a sbloccarsi trovando i voti favorevoli per far passare il regolamento per la raccolta differenziata.

Ventinove i consiglieri che si  sono espressi a favore e due gli astenuti sui trentuno presenti. La delibera, come ha spiegato l’assessore all’Ecologia Rosario D’Agata, è stata predisposta nel rispetto di un’ordinanza del Presidente della Regione siciliana del 7 giugno scorso, la stessa che ha imposto il piano di raccolta differenziata approvato dall’Aula pochi giorni fa. La disposizione regionale chiede ai sindaci e ai consigli comunali l’adozione o l’adeguamento del regolamento per la raccolta differenziata tenendo conto sia dei progressivi aggiornamenti normativi sia di quanto è necessario attuare con l’avvio immediato del nuovo piano di raccolta differenziata.

Il regolamento disciplina le modalità di svolgimento della raccolta differenziata secondo quanto previsto  dagli articoli 184 e 198 del  decreto legislativo 152 del 2006 e dall’articolo 4 della legge regionale 9 del 2010 (con successive modifiche e integrazioni) considerando che il Comune di Catania appartiene ai Comuni dell’Ambito Territoriale Ottimale, detto S.R.R. Catania Area Metropolitana,che agiscono in forma singola o associata, nel rispetto dei principi di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza.
Definite anche le distinte attività e competenze del Comune e della ditta affidataria, le disposizioni per la tutela del decoro e dell’igiene ambientale anche attraverso la promozione della partecipazione dei cittadini e delle loro associazioni e la collaborazione delle associazioni di volontariato.

Tra i 18 articoli del documento figurano: la classificazione dei rifiuti, le modalità di conferimento e raccolta delle varie tipologie di rifiuti, la raccolta porta a porta, lo smaltimento, la pulizia di mercati o aree varie. Fanno parte integrante del regolamento il piano d’intervento e il piano comunale di raccolta differenziata approvati dal consiglio comuale rispettivamente l’uno giugno e il 14 luglio scorsi.

Intanto, lunedì dovrebbe partire il quarto step che interessa l’area che ricade nel perimetro tra via Giacomo Leopardi (che sarà per intero interessata alla raccolta differenziata porta a porta), piazza della Guardia, via Zoccolanti, via Alcide De Gasperi, piazza Europa, corso Italia e viale Vittorio Veneto, coinvolgendo ulteriori 1.600 mila utenze nel progetto.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button