fbpx
News in evidenzaSport

Finale scudetto ladies: Domusbet Catania si ferma sul più bello

Il cuore, la passione e l’orgoglio di rappresentare quei colori che rappresentano storia come il rosso e l’azzurro. Tricolore da conquistare, combattendo dal primo all’ultimo secondo con la dedizione dell’essere donna e la “garra” dei combattenti. Terracina con lo scudetto sul petto, le favorite, rispetto ad una mina impazzita come la Domusbet Catania femminile.

Il missile di Privitera in avvio scuote l’arena di Riccione ed i cuori etnei, un vantaggio pazzesco e un euro gol che scompaginava i piani delle ladies del Terracina. Gara tesa e molto bloccata, poche occasioni e tanta corsa. Nel finale si svegliava Terracina che prima coglieva il palo e a tempo scaduto trovava la parabola perfetta per la rete del pareggio.

Apoteosi e boato di vulcano nella sassata della Napoli prima per il nuovo vantaggio Catania e libero perfetto in salsa di capitano quando Fazio trova l’angolo giusto. Passi verso il tricolore con quindici minuti ancora da giocare. Gestione e gol sfiorati ancora da Mimma Fazio prima ancora del cervellotico recupero del tempo che portava alla rete del Terracina che riapriva la finale.

Beach soccer come al solito strano ed imprevedibile: così Terracina riusciva a ristabilire la parità con un diagonale che batteva la Fazio. Sul 3-3 lotta su ogni pallone ed esperienza: Veronica Privitera abile in palleggio di procurava un libero succulento ma la Radu chiudeva lo specchio due volte. La Domusbet Catania ci provava anche con la Morra ma la Radu si superava ancora. Dal gol sbagliato, all’errore in mezzo al campo di Privitera che dava spazio e tempo alla Maticchioni di trovare il set del 4-3.

Attaccavano le ragazze della Guerreggiante ma venivano fermate dalla Radu e dalla sfortuna. Le speranze finivano sul libero della Risina e sul tiro della Morra che si perdeva alle stelle. Terracina era Campione d’Italia ma grandissimo onore alle ragazze etnee alla loro prima apparizione in campo nazionale. Un risultato pazzesco grazie alla dedizione del secondo allenatore Peppe Tringale, del direttore Castorina, e coach Guerreggiante che hanno trovato una società come quella della Domusbet Catania che può consegnare prospettiva e crescita a tutto il movimento.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi Anche
Close
Back to top button