fbpx
CronachePrimo Piano

Docente catanese premiata per un progetto innovativo sul riutilizzo degli scarti delle mandorle

Ancora un riconoscimento nazionale assegnato ad un progetto di ricerca dell’Università di Catania.

Il Cibus Tec, uno degli eventi fieristici più importanti a livello internazionale per le tecnologie alimentari, ha premiato la prof.ssa Rosa Palmeri docente di Scienze e tecnologie alimentari nel dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente di Catania.  Presentato, infatti, un progetto innovativo sul riutilizzo delle acque di pelatura delle mandorle e dell’endocarpo, la pellicina marrone caratteristica della mandorla sgusciata.

Il processo

Le acque di pelatura sono attualmente considerate uno scarto. Ma, nell’ambito di un’industrializzazione inclusiva, sono invece considerate un vero e proprio sottoprodotto. Inoltre, l’utilizzo degli skin, ossia la cuticola scura che le ricopre, con il loro contenuto significativo in polifenoli, consente la formulazione di prodotti sostenibili. Quest’ultimi, quali alimenti funzionali, sono in grado di apportare beneficio a chi li consuma e in generale ridurre gli sprechi.

Il progetto, presentato insieme con il dott. Daniele Romano, presidente dell’Ordine regionale dei Tecnologi alimentari di Sicilia e Sardegna, e con l’azienda Damiano Organic, è stato selezionato nell’ambito di un concorso indetto dall’Ordine nazionale dei Tecnologi alimentari finalizzato a premiare tre proposte innovative nella trasformazione, nel confezionamento e nella logistica per tutti i settori dell’industria alimentare e delle bevande, coerenti con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per il 2030.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button