fbpx
Cronache

Disservizio PTE di Giarre, i cittadini chiedono chiarezza

Il Comitato Cittadino Giarre, in data odierna ha inviato al Commissario Straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catania Dott. Maurizio Lanza, al Dirigente del Distretto Sanitario 17 di Giarre Dott. Renato Raciti e al Direttore Sanitario degli Ospedali Riuniti Acireale – Giarre Dott. Alfio Cristaudo, una richiesta di chiarimenti riguardo ad una vicenda che si è verificata nella giornata di domenica 28 aprile.

La vicenda

Un utente si è recato autonomamente al PTE di Via Forlanini per richiedere la somministrazione di un farmaco antidolorifico. Il bisogno nasceva da un dolore acuto, nato a seguito di un intervento chirurgico che lo stesso aveva subito nei giorni precedenti. L’infermiera presente al PTE dopo aver consultato il Medico di turno, ha rinviato l’utente alla Guardia medica. Il Medico della Guardia medica, dopo un iniziale diniego, ha accolto l’utente e ha somministrato un farmaco contro il dolore. Lo stesso Medico ha, però, fatto rilevare che il compito della Guardia Medica è quello di eseguire diagnosi e prescrivere terapie farmacologiche, e non di effettuare terapia infermieristica. A pochi metri, infatti, si trova il PTE, con la presenza di infermieri atti a tali mansioni. Il medico in questione ha espresso perplessità sul fatto che l’utente le era stato inviato proprio dai colleghi del PTE.

«Teniamo a sottolineare che il PTE dovrebbe sopperire alla mancanza del Pronto soccorso, con lo scopo di trattare patologie con codici bianchi e/o verdi al fine di evitare affollamenti proprio presso il Pronto soccorso delle strutture ospedaliere di Acireale o Taormina e, alla luce di quanto riportato, abbiamo chiesto di voler approfondire la vicenda, accertando i fatti e comunicando a questo Comitato i motivi di tale negato accesso alle cure dovute, riservandoci di adire presso gli Organi Giurisdizionali competenti», dichiara  il Comitato Cittadino Giarre “Rivogliamo l’ospedale”.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker