fbpx
Salute

Disfunzione erettile, se non curata può essere invalidante

La cura definitiva esiste, ma le terapie variano a seconda del soggetto

I disturbi legati alla sfera sessuale maschile sono da sempre un tabù. Il motivo non è noto, ma sembra che se si hanno problemi in intimità l’uomo sia meno uomo. Si vive in un contesto sociale nel quale il super-uomo non può fallire e non deve chiedere aiuto. Altrimenti diventa un uomo comune perdendo quei super poteri che lo rendono invincibile. Ma è proprio in questo contesto ideologico aberrante che ci si vergogna di chiedere aiuto scatenando un’infinità di problemi che possono diventare irrisolvibili.

Disfunzione erettile: pochi i soggetti che si rivolgono ad un medico

Nel caso della disfunzione erettile, definita come l’incapacità per un periodo di almeno tre mesi a raggiungere o a mantenere in erezione soddisfacente per completare un rapporto sessuale. Bassissima è la percentuale di uomini che si rivolgono agli andrologi. Si tende invece all’automedicazione che però cura il sintomo e non la causa. Sarebbe importante quindi che tutti sapessero che dalla disfunzione erettile si guarisce definitivamente nella quasi totalità dei casi a prescindere da quale sia la causa scatenante.

È importante essere consapevoli che le cause che possono determinare tale condizioni possono essere svariate. Come nel caso di patologie cardiocircolatorie, la disfunzione erettile può essere solo un sintomo. Spesso infatti questo disturbo dell’erezione può essere il campanello d’allarme per fare una diagnosi precoce di altre malattie ben più gravi.

Le terapie possibili

Ad oggi le terapie possibili per eliminare totalmente e definitivamente questo disturbo sono molteplici. Solo consultando un andrologo specializzato e competente è possibile scegliere quella migliore a seconda dei vari casi. Indubbia è la necessità di effettuare uno screening delle condizioni di salute generale del paziente per poter escludere altre patologie. Una batteria di analisi potrà senz’altro essere richiesta dal medico andrologo che successivamente valuterà quale possa essere l’origine del disturbo. Inoltre, molto spesso le cause fisiche di fondono con quelle psicologiche. La causa è una crescente ansia da prestazione che può svilupparsi dopo alcuni episodi di disfunzione erettile.

Molti uomini, quasi tutti in realtà, non sono in grado di affrontare da soli una défaillance sessuale. Molti vivono il disturbo come un evento che causa un tale turbamento da diventare invalidante. È noto infatti che chi soffre di disfunzione erettile diventa insicuro nei confronti del mondo che lo circonda quotidianamente. Al contrario, gli uomini che vantano ottime prestazioni sessuali si sentono sicuri di sé, decisi e riescono a risultare vincenti nel contesto che frequentano.

Onde d’urto per curare

La medicina compie ogni giorno passi da gigante nel campo della ricerca. Ormai la disfunzione erettile può essere trattata con nuove terapie indolore e dagli effetti collaterali pressoché nullo.

L’utilizzo delle onde d’urto a bassa intensità, ad esempio, grazie all’azione di onde a bassa frequenza, simili a quelle della terapia utilizzata per accelerare la guarigione e migliorare il tono dei muscoli, permette di rinvigorire i tessuti del pene aumentandone il tono è migliorandone quindi la funzione. Durante il congresso della Società italiana di Andrologia è emerso che sette pazienti su dieci hanno recuperato la loro normale funzione erettile grazie alle onde d’urto a bassa intensità. L’efficacia della terapia è emersa grazie a sondaggi effettuati sul campione di cento uomini oltre ai risultati emersi dall’ecocolordoppler penieno effettuato dopo il trattamento.

È quindi possibile curare definitivamente la disfunzione erettile. Ma solo rivolgendosi ad un medico specialista in andrologia si potranno conoscere metodi personalizzati che quindi non rischiano di fallire. L’automedicazione è invece assolutamente inutile e dannosa.

Ufficio Stampa: Andrologia Internazionale Roma
Sito web: andrologia-internazionale.it

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button