fbpx
NeraPrimo Piano

Bologna. Due catanesi raccontano il disastro

“Era davvero assurdo quello che stava accadendo”. È il primo commento al disastro di ieri pomeriggio di una coppia di catanesi, marito e moglie, in vacanza a Bologna .

Un’autocisterna, dopo aver tamponato un mezzo pesante, è esplosa su un tratto della A14.

”Ero in balcone quando improvvisamente ho sentito un boato e visto una colonna di fumo nerissimo”, racconta il marito.

”I vetri hanno vigorosamente tremato a causa del forte boato”, spiega la moglie. “Quando mi sono affacciata anche io sul balcone ho capito che non era al centro, ma non riuscivo ad individuare bene la zona. Sapevo solo che era successo qualcosa di molto grave”.

Il disastro

E in effetti qualcosa di grave, anzi gravissimo, era accaduto. Una autocisterna aveva tamponato un altro mezzo pesante e aveva preso fuoco.

Tutto accadeva a Borgo Panigale, la tangenziale di Bologna, che collega l’aeroporto alla città, intorno alle 14,40. La dinamica rimane ancora tutta da chiarire ma il bilancio è pesantissimo.

Le telecamere della A14 hanno ripreso tutto, sotto lo sguardo attonito dei presenti e degli addetti ai lavori. L’impatto, il fuoco nero, l’esplosione, la palla di fuoco.

Scene da apocalisse, da film di fantascienza, ma è la triste realtà.

La prefettura di Bologna, fino a questo momento, ha confermato la morte di una sola persona, l’autista della cisterna e il ferimento di altri 67, di cui 3 gravissimi.

Tra i feriti anche 11 carabinieri e due poliziotti della stradale che stavano dirigendo il traffico dopo un precedente incidente stradale.

Esplose diverse auto di concessionarie in prossimità dell’incidente. Crollato parzialmente anche il ponte dell’autostrada del raccordo di Casalecchio A1-A14, che sovrasta la via Emilia a Borgo Panigale.

“Ci siamo passati spesso”, raccontano i coniugi. “Sembra assurdo adesso pensarci”.

La vittima

L’unica vittima del disastro si chiamava Andrea Anzolin, aveva 42 anni e una moglie. Viveva ad Agugliaro, nel vicentino, e lavorava per l’azienda «Loro» di Lonigo, produzione e commercio di carburante. Di lui si dice fosse un conducente esperto, con esperienza alle spalle già da più di un decennio.

Mostra di più
Back to top button