fbpx
CronachePrimo Piano

Seus 118, dipendenti in agitazione: vogliamo confronto con la Regione

Seus 118, dipendenti in agitazione: vogliamo confronto con la Regione

Seus 118, dipendenti preoccupati sul futuro occupazionale: “Chiediamo un confronto con la regione”.

I Responsabili Provinciali UIL FPL di Catania Salvatore Foti e Fabio Intelisano, rappresentanti presso la SEUS Scpa (la partecipata della Regione che gestisce il servizio di trasporto emergenza urgenza sanitaria) in stretta collaborazione con il Segretario Territoriale UIL FPL Catania Stefano Passarello, a cui va la loro gratitudine per il lavoro fin qui svolto, si sono sempre mostrati interessati e attenti a tutte le problematiche inerenti il settore 118.

A tal proposito hanno continuamente espresso grande riconoscimento e rispetto nei confronti di tutti i dipendenti SEUS (Dirigenti, Amministrativi, Autisti/Soccorritori e componenti Squadra Operativa) che nonostante la presenza di diverse problematiche hanno continuamente dimostrato grande professionalità e spirito di abnegazione al lavoro portando il 118 siciliano (compreso il NUE 112 in fase sperimentale nella provincia di Catania) ad altissimi livelli qualitativi.

Ultimamente il servizio di emergenza urgenza regionale è sotto i riflettori. Si sta concretizzando il progetto di creare, in collaborazione con la Regione Lombardia, un’Agenzia Regionale dell’Emergenza Urgenza che andrebbe a coordinare le attività della SEUS, dei Centri di Raccolta del Sangue e del Centro Regionale Trapianti. Inoltre si intende mettere in campo una nuova rete dell’emergenza che prevede di aumentare il numero di ambulanze con medico o infermiere in alcuni territori e di ridurne in altri, di aumentare il numero di postazioni 118 nella città di Catania e di eliminarne altre nel territorio provinciale.

Tutte queste notizie non fanno altro che mettere agitazione tra i dipendenti SEUS che si chiedono se verrà interamente garantito il livello occupazionale (compreso i dipendenti attualmente sospesi perchè dichiarati non più idonei alla mansione di autista/soccorritore causa sopraggiunti problemi di salute) e si interrogano anche sul tipo di contratto che saranno chiamati a firmare. Perplessità arrivano pure dalle popolazioni toccate dalla rimodulazione delle postazioni 118 che vedrebbero depotenziato o annullato il servizio offerto nel proprio territorio.

La UIL FPL Catania si fa promotrice nel chiedere l’apertura di una linea di dialogo tra Assessorato Regionale della Salute, SEUS Scpa (dove finalmente è stato nominato il nuovo cda a cui vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro) e parti sociali.

E.F.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button