fbpx
CronachePrimo PianoSenza categoria

Diluvia, le strade si allagano, si ferma la macchina e viene multato

Aci Castello: multato perchè la macchina si arresta sotto il diluvio

È nota a tutti la bomba d’acqua che si è abbattuta venerdì scorso sul catanese. Le strade si sono subito allagate trasformandosi in lunghi fiumi in piena.

Ad Aci Castello, lungo la statale, non è stato da meno. Nel tratto che si collega a Catania, passando per la frazione di Cannizzaro l’acqua era altissima. Ci racconta un malcapitato automobilista dello scorso venerdì che subito poco prima di arrivare sulla rotonda dell’ospedale Cannizzaro è successo il peggio. A bordo di una piccola ford fiesta il veicolo, ad un certo punto, si è fermato così come è accaduto per altre auto.

“La macchina si è spenta completamente – racconta l’uomo – l’acqua ha cominciato ad entrare dentro l’abitacolo. Ho alzato i piedi sui sedili. Fino a che l’auto non ha cominciato a muoversi trasfortata dall’acqua.”

Quindi l’automobilista ha cominciato a chiamare al telefono per ricevere aiuto. L’uomo è stato recuperato da un amico alla guida di uno speciale fuoristrada da safari. Per rendersi più sicuro il passaggio da un veicolo all’atro l’automobilista rimasto bloccato in strada è stato anche costretto ad uscire dal finestrino della ford fiesta.

Una volta in salvo, da subito, l’uomo ha cercato un carroattrezzi che potesse recuperare la macchina rimasta in panne. Niente da fare però. I privati delle autorimesse, con quel brutto tempo, hanno risposto che sarebbero intervenuti il giorno dopo in condizioni di sicurezza.

Attento però a che la ford non fosse d’impaccio sulla strada l’uomo, insieme ad un amico, è tornato a Cannizzaro per spostare la macchina. Così malgrado persistesse ancora la pioggia, a piedi hanno spostato la macchina in una zona della strada dove non si occupava la careggiata, sempre al di fuori della rotonda.

Sanzionato con la multa

E giacchè la preoccupazione era tanta, intorno alle 21.00 circa l’automobilista si ritrovava ancora a Cannizzaro per controllare la macchina rimasta bloccata sotto la pioggia. A quel punto però l’auto era circondata dalla polizia municipale che gli annunciava l’ìimminente arrivo del carroattrezzi e che precedentemente era stata elevata la multa.

Lo sfortunato automobilista, così come gli altri rimasti quel giorno in panne, riuscirà ad evitare la rimozione forzata del veicolo ma non la sanzione. “Le strade si allagano perchè non si opera la manutenzione e i responsabili ne approfittano pure per far cassa” si sfoga. Come dargli torno, in un lasso di tempo di circa 3 ore il protagonista di questa vicenda ha cercato in tutti i modi di rimuovere la sua automobile. Anche quando ancora era in atto il diluvio. “Non so ancora a quanto ammonta la multa, non mi interessa. È piuttosto una questione di principio – dichiara ancora – è inamissibile essere sanzionati in quelle circostanze. Sono responsabili per tutti gli incidente gravi che si possono verificare e in più ne approfittano.”

Il danno e la beffa, l’automobilista in panne non conosce ancora nè l’ammontare della multa nè il preventivo del meccanico.

 

 

Mostra di più

Fabiola Foti

38 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 20 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente assistente parlarmentare con mansioni di Ufficio Stampa presso il Parlamento Europeo. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button