fbpx
Cronache

“Devi morire, ti deve venire un tumore” e via con pugni e calci alla moglie e al figlio

Una storia di violenza, minacce e abusi psicologici, quella vissuta da una 43enne e dai suoi figli vittime di un marito padrone. 

I Carabinieri della Stazione di Nicolosi hanno arrestato un 39enne del posto, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate.

La triste vicenda si è registrata all’interno delle mura domestiche, ancora una volta davanti ai figli minorenni di una coppia.  Stavolta, paradossalmente, lo stesso artefice delle violenze ha chiesto telefonicamente l’aiuto dei militari. L’uomo, infatti, ha dichiarato  d’essere stato minacciato con un coltello dal figlio quindicenne nel corso di una lite.

I militari però, giunti presso l’abitazione, hanno udito un ragazzo che gridava con tutto il fiato che aveva in corpo: «Non devi toccare la mamma, ora che vengono i Carabinieri dico la verità!». Quindi lo stesso ragazzo, appena li ha visti entrare, ha loro consegnato un coltellino asserendo d’aver voluto difendere la madre.

Da un primo sopralluogo effettuato i militari hanno verificato gli inequivocabili segni di una colluttazione appena avvenuta: sedie in terra, suppellettili sul pavimento della cucina e cocci di ceramica. La donna, madre del ragazzino, che ha raccontato la sua verità poi confermata anche dal figlio.

Anni di violenze

È emerso così che l’uomo era solito da anni riservarle vessazioni psicologiche di ogni genere non tralasciando anche di picchiarla. Le liti, soprattutto, accadevano intorno alla fine del mese per l’acuirsi dei problemi economici.

In particolare, nell’occasione, la motivazione della lite era stata nata dall’approccio sessuale che l’uomo aveva tentato nei confronti della donna toccandola nelle parti intime, ciò in presenza del ragazzo e dell’altra figlia di 11 anni. La reazione della donna, motivata dall’inopportunità del comportamento del marito alla presenza dei figli che li stavano guardando, ha così scatenato l’uomo che le ha gridato: «Devi morire, ti ammazzo (…), ti deve venire un tumore!!!», scagliandole così addosso sedie e tutti gli oggetti che aveva a portata di mano.

Tale deprecabile scena ha provocato la reazione del ragazzo che, armatosi del coltellino, si era interposto tra i due per difendere la madre. Ma il poveretto non aveva calcolato l’ira del padre che lo ha immediatamente tirato per i capelli e disarmato cagionandogli una ferita lacero contusa da taglio alla mano destra.

La donna a sua volta, vista la scena, ha tentato di tutelare il figlio. Ma l’uomo le ha riservato un pugno in testa che, stordendola, le faceva cadere gli occhiali cinicamente schiacciati dal marito.

L’uomo, attualmente, si trova agli arresti domiciliari in casa dei genitori.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker