LifeStyleMultimediaPersonaggi

Davidekyo ed i suoi video virali!

Davide Limone ha 30 anni e la sua passione è il videomaking: “Mi diverto facendovi divertire”. Tutti i catanesi e non solo, lo conoscono come Davidekyo per il suo canale su Youtube. Famoso per i suoi video, simpatiche parodie siciliane del mondo dello spettacolo, della televisione e perfino dei cartoni animati; proprio grazie alla parodia di Peppa Pig divenuta in seguito “Peppa a Pocca” conquista il web con milioni di iscritti. Le sue parodie però non si fermano alla famosa porcellina perchè l’ispirazione per realizzare nuovi video, come lui stesso ci racconta, spesso arriva dalla società stessa, da questo mondo che sembra già essere una parodia di se stesso. “Mi piace fare video sperando di regalarvi qualche risata quando siete giù di morale”. 

Hai più di 164 mila iscritti al tuo canale. Perché le persone ti seguono?

«Non l’ho mai capito nemmeno io!»

Nella vita sei così spiritoso?

«Sono simpaticamente normale, non vado in giro a fare il pazzo come nei video se è questo che mi chiedi!»

Perché hai deciso di aprire un canale su YouTube?

«Perchè mi annoiavo e volevo condividere i miei doppiaggi»

Quali sono le principali caratteristiche di uno youtuber?

«Uno youtuber deve saper montare video e deve anche aver tanto tempo da dedicare ai social.»

Tutti se lo chiedono, pochi ricevono una risposta: Il guadagno medio di uno youtuber?

«Dipende dalle views mensili totali del canale. In certi periodi schizzano in alto (come nel periodo di Peppa a Pocca) in certi periodi come quelli estivi si abbassano. Non mi lamento perchè fino ad ora sono sempre riuscito a portare uno stipendio mensile a casa»

Ti aspettavi un tale successo per aver doppiato in siciliano la famosa Peppa Pig?

«No assolutamente, ma spero che il mio successo non sia legato solo a quella “maialina demoniaca”»

Come ti vengono in mente le idee più strane per i tuoi video?

«Da quello che mi succede attorno, la società è abbastanza strana ed è fonte di ispirazioni per tutti gli youtubers di successo.»

Quanto tempo impieghi per realizzarli?

«Dipende dalla lunghezza e dalla difficoltà di un video, in genere impiego da 2 a 6 giorni.»

Quali sono i vari passaggi, come nasce un video di Davidekyo?

«Prima si scrive l’idea su carta e poi si iniziano a filmare gli sketch. Segue poi il montaggio, il tutto al computer.»

Le parodie sono una sorta di “presa in giro” spiritosa e non hai risparmiato proprio nessuno.

«Le mie parodie, più che una presa in giro alla persona che ha realizzato l’originale, io le vedrei come mie reinterpretazioni.»

Quale  ti ha divertito più di tutte?

«Mi sono divertito a girare “u paninu co wustel” parodia degli One Direction»

Ti aiuta qualcuno durante la realizzazione dei tuoi videoclip?

«Di solito no, quando devo fare cose un po’ più complicate, ho il mio cameraman e fotografo Orazio Bonfiglio»

Ti è mai capitato di essere riconosciuto e fermato da qualche tuo “seguace”?

«Mi capita spesso e mi chiedono di fare una foto con loro!»

Cosa pensi riguardandoti attraverso lo schermo del computer?

«”A quantu sugnu bbestia”!»

La competizione sul web è feroce. Molti ragazzi come te, si cimentano a divertire e creare qualcosa di nuovo da condividere. Il segreto per non cadere nella banalità di un “già visto?”

«Sono su youtube da 5 anni e devo dire che ancora non ho capito quali sono i meccanismi che portano al successo le persone. Quello che posso consigliare è di essere attuali, parlare di quello che sta accadendo nel mondo in questo momento per sfruttare le stranezze e i difetti della nostra società in modo da parodiarli e cercare di diventare “virali”»

Tra i tanti video ne spicca uno “Sabato sera in piazza Teatro Massimo”. E’ una sorta di “denuncia” che con il giusto sarcasmo racconta ciò che avviene per le strade di Catania: posteggiatori abusivi, spacciatori, bulli, venditori di rose… “Niente satira, è una denuncia sociale. “ spieghi. Quali provvedimenti dovremmo prendere secondo te per poter avere una città più sicura e vivibile?

«Devo dire che dopo quel video, il sabato sera in Piazza Teatro è molto più tranquillo, ci sono camionette della polizia ovunque e risse se ne vedono molte di meno, come anche spacciatori.»

 

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.