fbpx
PoliticaPrimo Piano

Danilo Toninelli a Catania

È scontro aperto tra il M5S e il Presidente CamCom Piero Agen alla conferenza "Aeroporti e Aerei per la Sicilia"

Danilo Toninelli, Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, arriva a conferenza iniziata. Completare le visite ai cantieri in giro sul territorio, l’obiettivo primario della sua presenza in questi giorni in Sicilia.

L’on. Francesco Cappello risponde a Piero Agen

Ad aprire i lavori della conferenza “Aeroporti e Aerei per la Sicilia” contro la loro privatizzazione è l’on. Francesco Cappello, capogruppo del M5S all’ARS.
L’intervista dai toni polemici rilasciata da Piero Agen a La Sicilia ha scatenato le reazioni dell’on. Giancarlo Cancelleri mezzo stampa prima, dell’on. Francesco Cappello alla conferenza.

«Io sono davvero molto dispiaciuto per l’uscita alquanto sgradevole del presidente Agen perché chi ha come obiettivo quello di non condividere il gruppo parlamentare del M5S con un suo esponente, penso che faccia malissimo i conti», esordisce il parlamentare regionale.

«La posizione espressa dalla collega Campo è dell’intero Movimento 5 Stelle», ribadisce l’on. Cappello. «E quindi, penso che il Presidente della Camera di Commercio faccia bene a farsene una ragione. E impari a utilizzare, seppure voglia scendere in polemica, dei toni più confacenti sia al ruolo che riveste sia anche all’educazione che merita di ricevere la collega Stefania Campo».

“Nello Musumeci un po’ confuso”. Parola di Agen e dell’on. Campo

Stefania Campo - Aeroporti e Aerei per la Sicilia con Danilo Toninelli
A partire da sinistra: l’on. Valentina Palmeri, l’on. Stefania Campo e Mario Barresi (La Sicilia). Foto Ufficio Stampa M5S – ARS

«Il Presidente Musumeci – ha dichiarato l’on. Campo – forse è risultato quello più insultato da Agen perché, appunto, lui sottolineava questo aspetto: inizialmente aveva preso una strada ma era un po’ confuso e poi si è ravveduto. Quindi, questa è la visione di Agen del nostro Presidente della Regione Nello Musumeci».

«E in effetti è vero», ribadisce l’on. Campo trovando almeno un punto di concordanza con il presidente CamCom Agen. «Inizialmente Musumeci era disponibile e favorevole alla gestione unitaria dei sistemi aeroportuali. A un certo punto, ha fatto marcia indietro – e noi non abbiamo capito nemmeno perché – proponendo una gestione per la Sicilia orientale e una gestione per la Sicilia occidentale».

«Di fatto, io non ho mai capito rispetto a oggi questa proposta quale novità sia perché Comiso e Catania, bene o male, vanno insieme Palermo e le Isole Minori, Pantelleria e Lampedusa, forse un po’ meno».

«Questa gestione di dividere la Sicilia in due parti, dividendola ancora una volta, non è una grossa novità. La vera novità era appunto la gestione unitaria che, oltre a sostenerla come gruppo, era anche la posizione che avevamo proposto durante la campagna elettorale alle elezioni regionali», precisa l’on. Campo. E incalza: «Era nel nostro programma e Giancarlo Cancelleri ne aveva parlato già tante volte. Noi, con coerenza, abbiamo seguito quella che era una visione iniziale».

«Il dibattito in questi giorni si è acceso ed è vero: forse siamo un po’ in ritardo con i tempi. Ma è soltanto la mobilitazione cittadina che alla fine può realmente fare qualcosa».

Sostegno politico e sostenibilità tecnica da parte del Governo Centrale contro la privatizzazione degli aeroporti siciliani?

Danilo Toninelli - Palazzo della Cultura
Danilo Toninelli al tavolo dei relatori. Foto Ufficio Stampa M5S – ARS

Circondato dai vertici regionali e locali del M5S, il Ministro Danilo Toninelli viene accolto da una folta schiera di attivisti presenti in sala. Nessun accenno alla polemica sollevata da Piero Agen, ma il punto sull’annosa questione infrastrutturale in cui versa la Sicilia accompagnata da parole rassicuranti.

«Per me è particolarmente importante ogni sopralluogo in ogni cantiere nelle regioni in cui più hanno bisogno di investimenti. La parola chiave è tornare a fare buoni investimenti in opere utili. Il trasporto aereo sta vivendo momenti di crescita importanti», dichiara il Ministro Danilo Toninelli. «Siamo in ritardo, ma siamo ancora in tempo a prendere quelle possibilità di crescita e di sviluppo che ci sono passate difronte negli ultimi decenni ma che per un motivo o per un altro si è deciso di non cogliere».

«Il principale errore sarebbe di monetizzare oggi disinteressandosi del domani. Quindi daremo una mano fortemente magari facendo cambiare idea».

«Laddove non riuscissimo a fare cambiare idea – ammettendo così, in maniera velata, di avere le mani legate rispetto al governo regionale guidato dal Presidente Nello Musumeci – proveremo a inserire delle condizioni tali per cui chi viene a investire qua, deve essere un investitore che abbia l’obiettivo di fare funzionare gli aeroporti. E chiunque dovesse arrivare a Catania, dovrà garantire beneficio da tutti i punti di vista. In particolare dal punto di vista occupazionale. Io consiglierò di inserire anche delle penali», rassicura l’esponente di governo.

Il Ministro Danilo Toninelli ha inoltre annunciato il commissariamento delle Strade Provinciali e della viabilità locale in Sicilia con poteri speciali.

 

LEGGI ANCHE:

Sac, aeroporto verso la privatizzazione

“Aeroporti e Aerei per la Sicilia”, la conferenza M5S si farà

Aeroporti privatizzati, opposizione serrata M5S

Tags
Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.