fbpx
Primo Piano

“Dammi i soldi o ti spezzo le gambe”: arrestato estortore

Arrestato, in flagranza di reato, Giovanni Grasso, di Mascalucia, di 66 anni, responsabile di estorsione.
La vittima, un imprenditore pedarese di 63 anni, lo scorso mese di giugno, ha denunciato ai Carabinieri, di aver ricevuto delle percosse dall’uomo, con un grosso manganello di legno, rimanendo, inoltre, ferito alla mano sinistra con una prognosi di 10 giorni. L’aggressore, in aggiunta, aveva dei crediti, nei confronti della vittima, dunque, per questo motivo, ha deciso di usare le “maniere forti” stante l’impossibilità del pedarese di pagarlo.

Alle 06:30 di ieri, le forze dell’ordine della Stazione di Pedara ricevono una telefonata, da parte della vittima, che li informa d’aver notato Grasso, sotto la sua abitazione, a bordo della propria auto; a detta della vittima aspettava che uscisse da casa per picchiarlo. I militari, giunti sotto casa della vittima, effettivamente, trovano il delinquente che, alla loro vista, tenta di dileguarsi; tuttavia, prontamente bloccato, viene trovato in possesso di quel manganello di legno, già segnalato nella denuncia della vittima. L’uomo, di fatto, conferma ai militari che stava aspettando che la vittima uscisse per farsi consegnare i soldi e che, se qualora non l’avesse fatto, gli avrebbe “rotto le ginocchia per lasciarlo sulla sedia a rotelle”.

“Se gli rompo le gambe dalle ginocchia in giù non è omicidio; lo farò rimanere per sempre sulla sedia a rotelle”

Pertanto, tenuto conto di questa ammissione, i militari lo accompagnano in caserma, ma anche lì, il malvivente non accenna minimamente al pentimento, anzi, con tono deciso dichiara, inoltre: ” io a (…) gliela
farò finire male, gli romperò le gambe, perché non sarò contento fino a quando non lo vedrò sulla sedia a rotelle.”  “Lui mi deve dare i soldi- continua Grasso- non mi interessa dove io andrò anche perché quando esco lo andrò a prendere e lo spezzerò tutto; se gli rompo le gambe dalle ginocchia in giù non è omicidio, quindi, io lo farò rimanere per sempre sulla sedia a rotelle gli frantumerò le gambe, non mi interessa di nulla io quando dico una cosa la porto a termine” Tenuto conto di queste dichiarazioni, l’arrestato, si trova tutt’ora nel carcere catanese di Piazza Lanza.

G.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker