fbpx
FoodLifeStyle

Dal matrimonio tra Donnafugata e Dolce&Gabbana ecco la seconda annata di Rosa

Dopo l’esordio internazionale dello scorso anno, ecco la seconda annata di Rosa, il rosato nato dalla collaborazione tra Donnafugata e Dolce & Gabbana. 

Due eccellenze del made in Italy che condividono l’amore incondizionato per la Sicilia e per i suoi valori di creatività e artigianalità

Rosa è il frutto della vendemmia 2020, ottenuto dal blend di uve Nerello Mascalese e Nocera, due vitigni a bacca nera tra i più rappresentativi della viticoltura siciliana.

Un vino che si distingue per l’elegante fragranza e la spiccata mineralità, sorprende per il colore tenue e brillante, e per il suo accattivante bouquet di gelsomino, fragoline e bergamotto. Al palato spicca la freschezza del Nocera, il vitigno coltivato da Donnafugata tra le colline di Contessa Entellina, nel cuore della campagna siciliana. La particolare finezza e persistenza di questo rosato sono invece legate all’inconfondibile mineralità del Nerello Mascalese dell’Etna, il vulcano che domina la parte orientale dell’isola.
Rosa è certamente una piccola produzione di pregio, da territori e vigneti che testimoniano la straordinaria ricchezza e diversità della viticoltura siciliana ma è anche un prodotto curato in ogni minimo dettaglio.

Ad impreziosirlo lo speciale packaging ispirato all’iconografia del carretto siciliano: così Rosa esprime i valori di creatività e artigianalità che Dolce&Gabbana e Donnafugata condividono.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button