fbpx
NewsPolitica

Acireale: Nicola D’agostino manda a “quel paese” Angela Foti

Acireale – “Angela, vattene a quel paese (usiamo qui un eufemismo NdR) e denunciaci alla procura” così Nicola D’agostino apostrofa il deputato pentastellato Angela Foti, quando la stessa irrompe nella sala del palazzo del turismo, in pieno svolgimento della contronferenza stampa indetta dal sindaco Roberto Barbagallo,  sulla questione Spese di rifacimento di Santa Maria La Scala.

Il problema sono le varianti? 

«Le varianti sono opinioni, che in politica ci possono anche stare – dichiara Nicola D’agostino – un progetto che personalmente  ho faticato a fare finanziare nel 2010 e che Nino Garozzo ha portato avanti. Noi lo abbiamo ripreso e rielaborato con le varianti che sono uno strumento di legge. Invito i cittadini ad andare a Santa Maria la Scala e a rendersi conto di persona di ciò che è stato fatto. Le accuse lanciate dal Movimento 5 Stelle sono bugie, fandonie, stupidaggini, la politica si può fare in tanti modi la si può fare in maniera costruttiva, o si può fare dicendo fandonie giusto per creare un contraltare».

Nella conferenza stampa indetta dai pentastellati ci vengono mostrati dei computi, si parla di cestini, di alberi, di ringhiere, di lavori non precisamente a regola d’arte, a detta del M5S e di Stefano Ali vIcino al PD . Si parla anche di un consigliere, il cui nome viene omesso,  colpevole di essersi fatto rifare la facciata. Abbiamo chiesto se nella documentazione prodotta  ci sono gli estremi per l’invio in procura: «Forniremo  al sindaco una relazione dettagliata sull’analisi  dei prezzi , dei Sal e delle varianti, se il Sindaco ci fornirà le dovute spiegazioni e chiederà alla ditta la restituzione degli importi non dovuti, si potrà discutere, contariamente secondo noi ci sono gli estremi per la procura».

Evidentemente non si aspettava la reazione dell’amministrazione che invece dichiara: “Se ci sono illeciti denunciateci”.

Il Sindaco Roberto Barbagallo, che per prima cosa fornisce il nome del consigliere accusato di essersi rifatto la facciata  (che non riportiamo per una questione di privacy). «All’ epoca  dei fatti nel 2011 la persona in questione non si sognava neanche di fare il consigliere – spiega – ma partecipò ad un bando indetto dall’amministrazione Garozzo da privata cittadina per la sistemazione dei borghi rurali.

«Tutti i lavori sono stati fatti con la supervisione della sovraintendenza, e con l’organo di vigilanza che è il RUP – continua Barbagallo – tutto è documentabile con i computi ed i prezziari: ad esempio i cestini non sono costati 800.00 euro ma 311, 00 c.a, compresa la messa in opera. Se oscillazioni di prezzo ci sono stati, sono da ricercare nelle varianti della pavimentazione,  dove inizialmente era previsto un gres porcellanato, sicuramente non adatto alla zona, per via soprattutto dell vicinanza con il mare e che è stato sostituito con una pavimentazione in pietra lavica ad un prezzo ovviamente maggiore. Per quanto si possa essere attenti e vigilare sui lavori, può esserci qualche rammarico, come nel caso dell’ossidazione della ringhiera, ma avevamo già predisposto l’invio un campione in laboratorio per verificare la certificazione dell’acciaio utilizzato».

Anche l’assessore di riferimento Nando Ardita interviene: «Abbiamo abbattuto le barriere architettoniche, consentendo ai cittadini diversamente abili di poter passeggiare nel lungo mare del Borgo di Santa Maria la Scala , abbiamo voluto sentire  i residenti non in una ma in più riunioni, prima di iniziare i lavori.

In conferenza stampa erano presenti   il consulente economico Salvo Nicotra  l’assessore ai Lavori Pubblici Nando Ardita, l’assessore alla Pubblica Istruzione Adele D’ Anna, l’assessore allo Sport Giuseppe Sardo, e rappresentanti del Consiglio comunale che hanno redatto un documento.

Insomma in una giornata di maggio del 2016 sotto il sole primaverile che dal borgo di Santa Maria La Scala a palazzo del Turismo segna, a dirla come l’onorevole D’agostino ” l’apertura della campagna elettorale” Tutti pronti dunque a saltare sulla giostra?

 

 

 

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button