fbpx
NeraNewsNews in evidenza

Crolla una palazzina in via Crispi. Neonato in coma e aperta indagine per disastro colposo FOTO E VIDEO

Gravissima esplosione all’interno di una palazzina del centro storico di Catania, in via Crispi angolo via Archimede intorno alle 2,30 di questa notte.

Una donna di 87 anni, Agata Strano, che viveva sola al secondo piano, è morta dopo essere stata estratta dalle macerie.

Rimaste ferite altre 5 persone, estratte dai resti. Gravissime le condizioni di una bambina di 7 mesi: dalle prime notizie la piccola avrebbe riportato una frattura cranica e una emorragia cerebrale. Adesso, si trova ricoverata in rianimazione al Garibaldi nuovo di Catania insieme alla madre, la bimba si trova in coma farmacologico; un uomo è stato ricoverato al centro ustionati di Palermo. Potrebbe essere partita dal suo appartamento al primo piano l’esplosione della bombola. L’uomo si è salvato miracolosamente grazie ad un frigorifero che avrebbe fatto da scudo al momento del crollo.

Si cerca tra le rovine anche una ragazza, una badante che viveva con l’uomo. Le speranze dei soccorritori non sembrano però essere alte.

Alle ore 13:00 ancora l’escavatore è in azione per ritrovare i dispersi della tragedia di Via Crispi.

Il palazzo sarebbe crollato probabilmente in seguito ad una esposione di una bombola, non essendo il palazzo provvisto dell’allacciamento di gas.

Disastro colposo è l’ipotesi di reato alla base dell’inchiesta aperta dal procuratore della Repubblica di Catania.

Colpiti dall’onda d’urto anche i palazzi vicini, le cui finestre sono state sventrate.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button