fbpx
CronacheNews

Criminalità, i dati di Catania

A presentare i dati statistici è Alberto Francini, questore di Catania. Ma, occorre leggere questi alla luce di alcune considerazioni.

Le statistiche della provincia

Se analizziamo la criminalità considerando non solo l’area della città, ma di tutta la provincia di Catania, omicidi, rapine, furti e violenze sessuali sono diminuiti sensibilmente dal 2016 a oggi.

Gli omicidi: nel 2016 sono stati 11; nel 2017, 10; nel 2018, 10; nel primo quadrimestre del 2019, 3.
Le rapine nel 2016 sono state 820, per poi passare a 641 nel 2017 e a 581 nel 2018. Nel corso dei primi 4 mesi del 2019 ne sono state denunciate 182.

Ma sono soprattutto i furti ad aver registrato un calo importante. Nel 2016 erano 27.571, nel 2017 sono arrivati a 26.021, nel 2018 sono stati “solo” 15.813. Mentre quest’anno se ne sono registrati 4.430.

Sulle violenze sessuali, invece, i dati “corrisponderebbero solo alle violenze realmente denunciate”, secondo il questore Alberto Francini. Dunque, non potrebbero rappresentare il trend reale.

Le statistiche della città

Considerando solo il perimetro della città, gli omicidi sarebbero passati da 1 a 4 nel 2017. Nel 2018, nessun omicidio è stato denunciato, ma già uno lo è stato nel corso del primo quadrimestre del 2019.
Le rapine sarebbero rimaste quasi costanti nel tempo: 396 nel 2016; 308 nel 2017; 325 nel 2018, 105 nel corso dei primi 4 mesi di quest’anno.

I furti, soprattutto di veicoli, sarebbero invece in aumento. Sono stati 10.552 nel 2016, 10.127 nel 2017, 11.077 nel 2018. Nel primo quadrimestre del 2019 se ne sono registrati già 3.089.

L’attività di contrasto della criminalità

L’attività della Polizia sembra essere incessante e piuttosto attenta. Considerando anche indagini e azioni volte al contrasto della criminalità che, magari, non emergono dalla nuda statistica.

Le persone arrestate o fermate sono state 2.367 nel 2016, 2.448 nel 2017, 2.035 nel 2018 e già 759 nel 2019.
Quelle denunciate in stato di libertà sono state 8.496 nel 2016, 7.129 nel 2017, 7.472 nel 2018, 1.565 in questi primi mesi del 2019.

Le nuove emergenze della criminalità secondo Francini

“Per indagare sullo stato della sicurezza a Catania, i dati statistici hanno un’importanza solo relativa. Il miglior modo per valutarla è basarsi sul livello di gradimento dei cittadini. Se i cittadini si sentono sicuri, allora si sta lavorando bene”, ha dichiarato Francini.

Ma, nella città etnea non si è ancora arrivati alla tranquillità tanto agognata. “Il 
senso di insicurezza è particolarmente diffuso a Catania, così come in tutta Italia. A discapito delle aspettative della gente, che si attende un lievllo di sicurezza sempre maggiore”, ha continuato.

I dati statistici provinciali evidenziano un calo dei reati, ma questo non esclude la possibilità di ulteriori miglioramenti. E soprattutto l’emergere di nuovi importanti problemi a Catania.
“Le emergenze che ci troviamo ad affrontare riguardano la confusione e l’invivibilità. Sono principalmente i luoghi della cattiva movida che diventano teatro di risse, accoltellamenti. In questi contesti non sono mancati nemmeno episodi di grave criminalità, come la violenza carnale alla turista americana e l’accoltellamento di un polacco“.

Il quadro, pur contemplando una “repressione puntuale e tempestiva” da parte delle forze dell’ordine, necessita di ulteriori interventi. “La squadra mobile di Catania è una delle migliori d’Italia, ma l’azione repressiva non basta. Bisogna fare di più per evitare che accadano queste cose. Occorre una sinergia di forze di tanti soggetti istituzionali e di tanti cittadini. Adesso ci sarà una nuova riorganizzazione del controllo del territorio. Chiediamo anche l’impiego di nuovi militari, speriamo il ministero ci accontenti”, ha detto il questore.

È sulla movida che pone l’accento, quando si parla di sicurezza dei cittadini. Francini, in particolare, rimarca l’esigenza di “trovare un sistema per incidere ulteriormente sullo spaccio di sostanze stupefacenti“.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.