fbpx
Sanitá

Covid, è boom di contagi. Musumeci: isoliamo le zone colpite

"In Sicilia interveniamo subito isolando zone colpite", è quanto dichiara Musumeci

Troppi contagi in Sicilia, impossibile fare un tracciamento.

«Si è notato negli ultimi mesi la impossibilità di potere effettuare un lavoro serio, razionale e attendibile, la moltiplicazione dei contagi cosi vertiginosa rende di fatto impossibile il tracciamento, soprattutto adesso».

Queste le parole utilizzate dal presidente della Regione Siciliana questa mattina a ‘Omnibus’ su La 7 in merito al continuo proliferare di nuovi casi covid.

Nonostante un incremento dei soggetti che si sottopongono a vaccino e boom di persone in fila per le terze dosi, il covid resiste e non molla la presa. Non dimentichiamo peraltro che pochi giorni fa si è dato il via alle vaccinazioni dei bambini dai cinque anni in su.

«Se la tensione cala, perché cala il numero dei contagi, cala anche l’attenzione, è un fatto non legittimo ma fisiologico. Nella mia regione – evidenzia Musumeci – laddove c’è un focolaio interveniamo subito, istituendo nei comuni la zona gialla, arancione o addirittura rossa e lo abbiamo fatto anche in piena estate, quando normalmente in Sicilia il contagio non presentava caratteristiche allarmanti. Isolare la zona di origine del contagio fino a questo momento è stata una pratica assolutamente utile».

«Siamo d’accordo con l’orientamento generale dei colleghi presidenti delle regioni affinché il governo possa rivedere le regole che disciplinano la quarantena. È un fatto di giustizia – asserisce il governatore – nei confronti di chi ha fatto il vaccino e anche la terza dose e ha il diritto di potersi muovere con maggiore facilità».

«Sono regole che se non venissero cambiate rischierebbero di bloccare la parte forse quella più attiva del Paese», aggiunge in conclusione Musumeci.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button