fbpx
Home DecorLifeStyle

Costruzione di uno spazio neutro

Affrontare uno stesso progetto dopo qualche anno cambia il risultato finale.

Lo spazio è generato da pieni e vuoti che sovrapponendosi, intersecandosi, sottraendosi, generano dinamicità. In questa interazione la luce e i materiali, ne amplificano o diminuiscono l’effetto. 

La ricetta perfetta del “giusto” spazio non esiste, o perlomeno ne esiste uno per ognuno di noi.

Sta all’architetto, alla sua sensibilità e alla sua capacità di trasferire sul foglio i vostri input, trovare quello giusto per voi.

Ogni progetto, infatti, è un percorso interiore che ogni architetto, giovane o anziano che sia, affronterà in modo diverso.

Personalmente quando affronto una ristrutturazione mi piace studiare le differenti possibilità che un appartamento possiede. A volte, infatti, può capitare che un progetto venga stravolto col passare del tempo, poiché le premesse iniziali, cambiano poiché cambiano le necessità dei clienti. Così è successo per questo progetto.

Il cliente che qualche anno fa era disposto a stravolgere la disposizione degli spazi interni a favore di un ambiente unico, mi ha chiesto di riprogettare mantenendo la disposizione attuale delle stanze. Una nuova sfida, superare le mie vecchie idee in favore di qualcosa di completamente nuovo.

Rispetto all’esistente gli ambienti sono stati rimodulati nella dimensione, rimanendo il più possibile fedele alle tracce preesistenti (per abbassare i costi), ma stravolgendo l’immagine generale.

            

Il risultato vuole essere uno spazio neutro avulso dal tempo, che prenderà vita nel momento in cui il mio cliente inizierà a viverlo.

Mobili che divengono veri e propri setti murari, dei quali si percepisce tutta la forza spaziale. Un linguaggio estremamente semplice, in cui, però, tutto ha una collocazione ben precisa.

Linee geometriche pulite, arredi disegnati su misura ed integrati nello spazio stesso e qualche oggetto intramontabile di design, sono stati gli ingredienti di questa ristrutturazione.

www.solariasclafani.it

 

Tags
Mostra di più

Solaria Sclafani

Si laurea in architettura nel 2004. Lo stesso anno inizia a collaborare nello studio del padre, dove si confronta con progetti di restauro e rifunzionalizzazione. Con lui progetta alcuni tra i più importanti hotels e spa della sicilia orientale. Nel 2010 consegue un master in interior design presso lo ied. Durante quel periodo progetta case nella campagna toscana ed alcuni attici a Roma. Inizia così un percorso progettuale che la porterà ad una spazialità pura ed essenziale con una forte interazione visiva con il paesaggio circostante; razionale e riconoscibile fonda le sue radici nella preesistenza senza formalismi e mimetismi. Un linguaggio pulito ed ordinato caratterizzato dal rigore formale e cromatico, dall'assenza di elementi puramente decorativi, e dall'utilizzo di materiali naturali.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.