fbpx
NeraPrimo Piano

Costringeva i figli di 3,4 e 7 a prostitursi: accusato anche un carabiniere

Costringeva i propri figli minorenni, due femmine e un maschio, a prostituirsi.

In manette sono finite tre persone, colpevoli di queste atrocità: la madre dei piccoli, un carabiniere e il consuocero della donna N. I. I tre sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Catania.

Due anni di violenze e prostituzione.

I bambini avrebbero subito tali violenze dal 2014, anno in cui le vittime avevano rispettivamente 3,4 e 7 anni. Nel 2016, i piccoli furono sottratti alla madre la quale ne perse la potestà genitoriale. Solo allora finì l’incubo.

Le violenze, secondo le indagini, sarebbero avvenute all’interno dell’abitazione della donna e di un garage ubicato al nord di Siracusa.  I tre, una volta arrestati hanno negato le accuse a carico. La madre, una donna di 43 anni è accusata di induzione alla prostituzione minorile e maltrattamenti contro figli, i due uomini, invece, di violenza sessuale aggravata su minorenni infraquattordicenni.

Le due femminucce al momento si trovano in una comunità protetta, mentre il bambino è stato affidato ad una famiglia.

EG.

 

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button