fbpx
PoliticaPrimo Piano

Gianluca Costanzo rivela la strategia della composizione della giunta targata Enzo Bianco

Costanzo: «Enzo Bianco propone una strategia nuova che si esprime nella volontà di ripartire dalle nuove generazioni»

Gianluca Costanzo, classe ’87, è uno dei quattro assessori designati dal sindaco Enzo Bianco insieme ad Antonio Mannino, Orazio Arancio ed Ersilia Severino. Al telefono sembra ancora molto emozionato, carico di belle speranze e buoni propositi: «Il sindaco Bianco mi ha onorato della sua attenzione indicandomi tra gli assessori designati a una giunta che si formerà solo successivamente a un’eventuale elezione: attualmente non sono state assegnate le deleghe».

Quindi ci rivela i piani del sindaco uscente e ricandidato sulla formazione della sua giunta: «La linea politica e strategica del sindaco è di carattere tecnico guardando al futuro. L’assegnazione delle deleghe perciò avverrà in una fase successiva in funzione delle competenze da parte di tutto il gruppo formato dalla squadra degli 8 assessori designati», afferma Costanzo. «Si immagina la volontà di mescolare le carte in funzione delle competenze di ognuna delle parti nella visione strategica e lungimirante di Enzo Bianco». Dunque, Costanzo precisa: «Proveniamo tutti dal circuito professionale e imprenditoriale, abbiamo molta esperienza maturata in diversi settori e una grande passione per la nostra città».

«Né io, né la mia famiglia abbiamo una militanza politica – ci confida – Io faccio altro altro nella vita, faccio impresa e ho competenze strettamente tecniche. E questo approccio di carattere sociale in un movimento civico è una cosa che gradisco moltissimo ed è il motivo per il quale ho accettato. Enzo Bianco propone una strategia nuova che si esprime nella volontà di ripartire dalle nuove generazioni, dimostrando ancora una volta di essere un grande innovatore facendo una scelta forte che per me è stata meditata perché comporta molto impegno e particolare attenzione verso la città e i cittadini».

Anche Antonio Mannino accoglie con grande gioia la designazione di Enzo Bianco: «È una cosa bellissima perché è una grandissima dimostrazione di stima per il lavoro che ho svolto fino ad oggi per Catania». A quale delega potrebbe ambire il patron di Etna Comics? «Sono pronto a mettermi in gioco e a sviluppare tutto il mio talento per la città di Catania. In questo momento mi sento un cavallo da corsa pronto al via: questa è una grande opportunità perché tra gli assessori designati ci siamo persone molto giovani che vivono il territorio, che nascono in questa realtà che tanto da ma che nulla dona. Sarà una bella sfida – conclude l’assessore designato – e sono contento di essere stato individuato. Infatti ho risposto subito in modo positivo».

 

Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button