fbpx
CronacheEventi

Così Catania vive la giornata della Memoria

Catania –  Diversi gli appuntamenti per vivere la giornata della Memoria del 27 gennaio a Catania.

Venerdì 27 gennaio, dalle ore 10 alle 13, è prevista l’apertura della Cripta di Sant’Euplio, a cura dell’Associazione Etna ‘ngeniousa, per visite drammatizzate con approfondimenti poetici curati da Letizia Tatiana Di Mauro.

Il Gruppo Feltrinelli, in collaborazione con l’associazione Il Razzismo è una brutta storia, coinvolgerà le scolaresche. Alle 10 verrà proiettato l’episodio “La storia si ripete” dall’inchiesta documentaristica Fischia il Vento, condotta da Gad Lerner e prodotta da laeffe e la Repubblica. Alle 10.30 seguirà un laboratorio condotto da Giunti editore su Una gatta in fuga di Vanna Cercenà (Giunti, 2017) per alcune classi di età 9-10.

Dalle 9 alle 13, prende il via  l’itinerario “Alla scoperta della Giudecca”, a cura dell’Associazione Guide Turistiche Catania: una passeggiata alla scoperta della Giudecca di Iusu e di Susu attraverso le vie dell’acqua, i vicoli, i monumenti e i segni della presenza ebraica a Catania

Alle 17,00 L’Ente per il diritto allo Studio  premierà gli studenti più bravi nell’Aula magna dell’Università sul tema drammaticamente attuale Mentre il terrorismo colpisce al cuore l’Europa risvegliando cupi sentimenti xenofobi che ruolo assume la memoria della Shoàh?” che ha attirato l’attenzione degli studenti catanesi che si sono cimentati, numerosi,  in elaborati scritti e cortometraggi.  A premiarli un alto esponente dell’Ambasciata Israeliana, Rafael Erdreich, ministro consigliere a Roma, venuto a Catania per la Cerimonia.  A Salvatore Incorpora che dopo aver subito una lunga prigionia nei lagher nazisti ne ha immortalato la memoria con tele e libri, verrà consegnato un riconoscimento alla memoria. Anche il Direttore dell’ente, dott. Valerio Caltagirone ha partecipato alla conferenza stampa illustrando gli aspetti tecnici della manifestazione  che hanno consentito di finanziare i premi che saranno consegnati ai vincitori.

Alle 21,00, l’Auditorium Giancarlo De Carlo del Monastero dei Benedettini si trasforma in palcoscenico per raccontare la storia di uno scienziato piena di contraddizioni e di passioni. Officine Culturali, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania, invita i catanesi a ripercorrere le tappe della vita di Azeglio Bempord, illustre matematico e astronomo, docente di Astrofisica e Geodesia per l’Università di Catania e Direttore del Regio Osservatorio di Catania, che ha avuto sede proprio al Monastero dei Benedettini dal 1890 alla seconda metà degli anni’60. 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button