CulturaLifeStyleTeatro

Cosa faresti per 100.000 euro? Audizione al Canovaccio

Un fatto di cronaca che rende tutto il sadismo di una società annoiata sconvolge e sorprende il pubblico del Canovaccio

Cosa saresti disposto a fare per superare una Audizione e guadagnare 100.000 euro in contanti esentasse?

Prima di pensare a limiti morali o etici pensa che l’unica cosa da fare per accedere al lavoro è battere in cattiveria e motivazione un solo concorrente nelle tue stesse condizioni. Ti sistemi per tutto il resto della tua miserabile e sofferta vita. Figli sistemati, rendita assicurata, niente più pensieri o sacrifici.

Fantasia? No! Lo spunto da cui nasce Audizione è un articolo di cronaca vera di qualche anno fa e ancora tremendamente attuale. Chiara Arrigoni è l’autrice del testo che la vede anche in scena nei panni di Sarah. Insieme a lei anche parte della compagnia Le ore piccole Andrea Ferrara, nei panni di Miguel, suo rivale e Massimo Leone nei panni di un sadico Signor T.

Un uomo e una donna devono convincere l’esaminatore di essere il candidato più idoneo per il lavoro, quest’ultimo con sapiente crudeltà dovrà essere certo che nulla possa andare storto annientando nei candidati anche il più piccolo barlume di coscienza.

Un dramma che rappresenta nella sua crudezza una realtà forte. Chi verrà scelto tra i due dovrà partecipare ad una orgia per ricchi annoiati il cui unico stimolo è il brivido di una roulette russa con la morte. In un contesto elegante e raffinato dovranno essere in grado di stimolare e soddisfare anche la più turpe fantasia degli ospiti.

La regia di Francesco Toto non da spazio ad orpelli superflui lasciando in scena lo stretto indispensabile.

La mancanza di musica e la luce diffusa ma studiata accuratamente lasciano che Audizione coinvolga emotivamente lo spettatore con la sola forza di un testo potente e il talento indubbio degli attori in scena i quali lo fanno precipitare in un turbinio di dubbi e colpi di scena da mozzare il fiato.

Il signor T./ Massimo Leone incarna perfettamente la brutalità elegante e sfacciata di chi non ha paura di dire le cose come stanno, senza rimorsi e senza moralismi inchiodando il pubblico sulle poltrone con una sconvolgente rappresentazione della consapevolezza. Andrea Ferrara e Chiara Arrigoni, rivali e uguali, rendono vivi i loro personaggi mettendo a nudo brutalmente tutto il bene e il male, la rabbia e le fragilità con una energia che precipita in platea come una ondata irresistibile.

Un pubblico sconvolto ed emozionato ha accolto con caldi applausi la rituale chiacchierata a fine spettacolo.

Con Audizione, si conferma ancora una volta l’attenzione della scelta di Palco Off di portare sulla scena catanese giovani talenti in grado di offrire il punto di vista della nuova generazione ai fatti del mondo che abbiamo tristemente ereditato ma che ha ancora la forza per un riscatto attraverso nuovi e forse più puri ideali.

Tags
Mostra di più

Alfredo Polizzano

Siciliano di nascita in un tempo indefinito, libraio eclettico ha fatto della curiosità la sua ragione di vita e della bellezza la sua guida. Due grandi passioni professionali, i libri e il teatro, in cui la vita è l'eterno presente di un tempo che non è mai stato ma che sarà per sempre.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.