fbpx
CronacheEconomiaNews

Corte dei Conti: aumentano i debiti del comune di Catania. Il documento integrale

Il 18 maggio scorso la Corte di Conti emette ordinanza con cui valuta il piano di riequilibrio pluriennale che grava sul comune di Catania.

La situazione debitoria è peggiorata negli ultimi anni ovvero da quando alla guida dell’ente comunale c’è Enzo Bianco.

Nel documento si legge che “sulla base di una disamina complessiva dei principali fattori di squilibrio che hanno indotto il comune a ricorrereo nell’esercizio 2012, alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale, sono emerse delle criticità

In particolare

  1. il disavanzo di amministrazione  che al 31 dicembre 2011 risultava pari ad € 106.096,00 sale al 31 dicembre 2014 ad € 169.706.813,80.  Quindi ben 60 milioni di euro in più in soli 3 anni.
  2. La Corte dei Conti rileva che dal momento in cui viene approvato il piano di riequilibrio, che in realtà avrebbe la funzione di sdebitare il comune, l’esposizione debitoria al 31 dicembre 2015 risulta “in notevole aumento”.
  3. La situazione finanziaria in termini di cassa fa dubitare l’organo di controllo sulla capacità dell’ente di garantire gli equilibri di cassa negli esercizi futuri. Atteso che, si legge nella relazione “l’ente ricorre costantemente e per importi considerevoli all’anticipazione di tesoreria. In termini di importo non restituito al 31 dicembre risulta aumentata nell’esercizio 2014, con uno scoperto di tesoreria pari a € 95.028.869,10 con notevole aggravio della spesa per. interessi passivi.
  4. Per quanto riguarda il perseguimento degli obiettivi iritermedi fissati nel piano di riequilibrio pluriennale, dall’aggregazione dei dati forniti dal Collegio dei revisori per i due semestri dell’esercizio finanziario 2015, emergerebbe il sostanziale mancato perseguimento degli equilibri fiianziari.

Le maggiori criticità sono qui sintetizzate ma i giudici della Corte si soffermano ampiamente nel documento ad analizzare i fatti che hanno portato ad una situazione peggiorativa. La Corte dei Conti si sofferma sul nodo delle partecipate sulla Sidra spa pende un’esposizione debitoria di circa 41 milioni di euro. C’è poi il disallineamento di Catania Multiservizi per 4 milioni di euro e quello di Asec Trade per € 198.827,00; mentre risultano confermati i profili di criticità che riguardano Amt in liquidazione, Amt spa, Catania Multiservizi e Sidra Spa.

Qui di seguito La relazione integrale della Corte dei Conti

 

Articolo di Fabiola Foti e Marco Benanti

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button