fbpx
GiudiziariaPrimo Piano

Corruzione all’ispettorato del lavoro, Forzese tra i 10 rinviati a giudizio

Il Gup di Catania ha rinviato a giudizio 10 persone nell’ambito dell’inchiesta ‘Black Job’, su indagini della guardia di finanza, per presunti casi di corruzione all’Ispettorato del Lavoro.

Corruzione all’ispettorato del lavoro, tra gli imputati l’ex deputato regionale dei centristi Marco Forzese, il direttore dell’Ufficio Territoriale del Lavoro (Utl) di Catania, Domenico Amich, la responsabile dell’Ufficio legale Maria Rosa Trovato, e l’ex consigliere comunale di Fi Antonino Nicotra. Quest’ultimo è accusato di abuso d’ufficio.

La prima udienza dell’inchiesta Black Job, che vede atti corruzione all’ispettorato del lavoro, si terrà il 10 gennaio 2019.

Gli altri imputati sono Franco Luca, Ignazio Maugeri, Giovanni Patti, Salvatore Calderaro, Anna Maria Catanzaro e Giovanni Franceschino.

Sarà giudicato col rito abbreviato Orazio Emmanuele.

Secondo l’accusa, all’Utl di Catania, scomparivano fascicoli, si annullavano richieste di sanzioni o fatte rateizzazioni al minino in cambio non di soldi, ma di favori: voti dagli imprenditori aiutati, e un soccorso politico alla Regione per ottenere promozioni o assunzioni in strutture pubbliche.

E.F.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button