fbpx
CronacheNews in evidenza

Cooperativa sociale Marianella Garcia proclama lo stato di agitazione

I lavoratori della cooperativa sociale Marianella Garçia hanno proclamato lo stato di agitazione e hanno deciso di scrivere una lettera aperta al sindaco di Catania Enzo Bianco e all’intera amministrazione rea di non aver versato le somme spettanti proprio alle cooperative.

Ecco il testo della lettera.

Egregio Signor Sindaco,

la drammatica situazione economica vissuta da troppo tempo dagli operatori della Cooperativa  Marianella Garcia è diventata ormai insostenibile e inaccettabile. Chiedere a 42 famiglie, che sopportano 10 mesi di stipendi arretrati, di continuare ad accettare ulteriori rinvii ed incertezze nei futuri pagamenti, ci sembra francamente avere superato abbondantemente i limiti del rispetto della dignità delle persone e dei lavoratori.

Come ben noto allAmministrazione, sono tre i capitoli di spesa che interessano i crediti maturati dalla Cooperativa nel corso di questi ultimi anni, che ammontano complessivamente a 890.000,00 euro di cui:

 • 564.000 € per fatture non pagate sul servizio Comunità alloggio per minori

• 221.000 € per fatture non pagate per servizi resi L.285/97 (Centri socio-aggregativi, Educativa domiciliare minori e famiglie, Educativa scolastica)

• 105.000 € per fatture non pagate per servizi resi ex L.328/00 (Centri di Aggregazione giovanile, Accompagnamento socio-educativo, e Centro Diurno per minori)

 Malgrado le rassicurazioni ricevute nel mese di Maggio in un apposito incontro pubblico, la situazione non è assolutamente variata. Il piccolo acconto ricevuto ha consentito di regolare il pagamento di tasse e contributi, lasciando, inevitabilmente, le briciole ai lavoratori che hanno ricevuto neanche due mensilità complete.

Ad oggi, quindi, sono nuovamente 10 le mensilità arretrate spettanti ai lavoratori, per le quali, a fronte di una serie di mandati di pagamento giacenti in ragioneria e provvedimenti di liquidazione presso la Direzione dei servizi sociali, non abbiamo nessuna prospettiva di versamenti a breve scadenza, ma solo vaghe informazioni sulla mancanza di liquidità da parte del Comune.

Queste risposte non le riteniamo accettabili in quanto consapevoli che i fondi destinati ai nostri servizi sono vincolati per legge e riservati al pagamento delle spettanze agli Enti aggiudicatari.

Non le possiamo accettare, ancor di più, in quanto lavoratori che, pur garantendo con estremo sacrificio e impegno personale i servizi e gli impegni presi principalmente con le famiglie e i minori, nostri utenti, non riescono più ad affrontare le spese per la sopravvivenza delle loro famiglie, ormai vicinissime al collasso economico.  

Sollecitiamo, pertanto, il Suo immediato intervento per una risoluzione strutturale e non episodica”  dei gravi problemi finanziari ed economici vissuti dalla Marianella Garcia e da tante altre Cooperative della città.

 Queste , pur essendo virtuose realtà economiche e sociali del territorio, rischiano, loro malgrado, il fallimento e la chiusura con il conseguente licenziamento di centinaia di educatori, psicologi, pedagogisti, assistenti sociali, esperti, sentinelle dello Stato e della legalità nei quartieri più degradati e a rischio della città.

 In assenza di risposte immediate e concrete i lavoratori della Marianella Garcia” dichiarano lo stato di agitazione riservandosi di avviare adeguate azioni di protesta“.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button