fbpx
CronacheNews in evidenza

Catania, chiusa struttura d’accoglienza per migranti non idonea

Catania – Ieri, in ottemperanza alle disposizioni impartite dal Questore, personale del Commissariato Borgo Ognina ha effettuato dei controlli straordinari finalizzati alla prevenzione dei reati in materia ambientale e a tutela della salute pubblica. Particolare rilievo assume il controllo effettuato, a seguito di specifica  segnalazione, presso la struttura denominata “Arcobaleno” che, nell’occorso, ospitava 16 minori richiedenti asilo politico.

Nella circostanza, emergevano sin da subito scarse condizioni igienico-sanitarie sia nella zona cucina sia in quella relativa ai servizi igienici. Altresì, venivano rinvenuti all’interno del congelatore kg. 2 circa di carcasse di pollo recanti scadenza 10 ottobre 2016 con evidenti segni di mal conservazione. Ciò posto, detti alimenti venivano sequestrati e contestualmente distrutti e il titolare indagato di stato di libertà per il reato di mal conservazione alimenti.

Il predetto titolare non era in grado di produrre alcuna autorizzazione sanitaria e, quindi, sul posto interveniva direttamente il responsabile dell’Unità Asp Veterinari di Catania che, d’intesa con la Polizia di Stato, disponeva la chiusura di detto centro ai sensi dell’art. 8 decreto legislativo 507/99 e ciò in quanto “la struttura in prefabbricato ove è installata la cucina ed i locali cottura della mensa dell’onlus non possedeva i requisiti minimi previsti per mantenere le caratteristiche sanitarie individuate dalla normativa vigente reg. CE 852/04 e con attrezzature già obsolete. La struttura inoltre è sprovvista di adeguate protezioni contro animali infestanti”.

Il titolare, inoltre, non era in possesso dell’autorizzazione marittima. Vista la situazione, i minori d’intesa con il Comune di Catania – Assessorato alle Politiche Sociali venivano ricollocati in strutture idonee ad accoglierli.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button