fbpx
NewsNews in evidenzaPolitica

Commissariamento sul bilancio del comune di Catania

L’assessorato Regionale Enti Locali ha deliberato il commissariamento del Comune di Catania per il rendiconto dell’Esercizio Finanziario 2015.

Il commissario ad acta è il  dr. Carlo Domenico Turriciano, componente dell’Ufficio Ispettivo dell’Assessorato Regionale delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica.

“E’ l’ennesimo disastro della Disamministrazione di Bianco –  dichiara Manlio Messina, responsabile provinciale di Fratelli d’Italia –  che continua a fare acqua da tutte le parti. Anche con il consuntivo, ritardi su ritardi tali da costringere la Regione a commissariare il comune. La situazione dei conti si aggrava sempre di più e nonostante tutto l’amministrazione fa finta di nulla, con il sindaco in prima fila a fare inaugurazioni e nomine. Tutto questo – continua –  a discapito della città che sta andando a fondo: stipendi non pagati, disservizi, autobus che non camminano, spiagge libere e solarium che non aprono o aprono a metà stagione. Ribadiamo – conclude –  che l’unica strada possibile è la scelta delle dimissioni in blocco e tornare al voto.”

Sul tema si è tenuta una conferenza dei capigruppo.

In merito alla notizia, che può rappresentare una problematica concreta per tanti, per non dire tutti, catanesi, abbiamo sentito telefonicamente il consigliere di Forza Italia Santi Bosco, il consigliere di Con Bianco per Catania Alessandro Porto e i consiglieri di Grande Catania Giuseppe Castiglione e Vincenzo Parisi, quest’ultimo è anche presidente della Commissione Bilancio. Nel pomeriggio sono arrivate anche le dichiarazioni dell’eurodeputato di Forza Italia Salvo Pogliese.

Raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione il capogruppo di Forza Italia Santo Parisi ha rilasciato la seguente dichiarazione: “questo commissariamento è sintomo della confusione che regna nell’amministrazione comunale, anzi possiamo dire che altro non è che la ciliegina sulla torta. Abbiamo un Comune che brancola nel buio, per l’Amt, per le partecipate ecc….. Sia chiaro i problemi finanziari ci sono sempre stati a Catania, ma se dobbiamo porre l’attenzione su questa amministrazione  dobbiamo dire che essa non li ha mai affrontati”.

In seguito abbiamo sentito Giuseppe Castiglione capogruppo di Grande Catania per il quale “questa amministrazione ha aumentato i debiti”. Il consigliere di opposizione ha fatto anche sapere che martedì prossimo si riuniranno i capigruppo per discutere con l’assessore Girlando del piano consuntivo e ha specificato che lui non crede che alla fine ci sarà il commissariamento per il Comune di Catania. Per il consigliere responsabili sono anche il Governo e la Regione che hanno tagliato 30 milioni di euro di fondi, ma allo stesso tempo il Comune di Catania ha una grande responsabilità perché non ha affrontato il problema del rendiconto finanziario in tempo. Infine Castiglione ha specificato che il Comune di Catania ha  un buco da 1 miliardo di euro ed ha anche anticipato una questione che andrebbe approfondita, ovvero la situazione dei cantieri di servizio che non sono mai stati realizzati a Catania, malgrado lo stanziamento dei fondi europei.

Abbiamo sentito anche Vincenzo Parisi consigliere di Grande Catania e presidente della Commissione Bilancio del Comune di Catania. Parisi ha chiarito che si tratta di mancata approvazione del bilancio consuntivo, che andava approvato entro aprile, o al limite entro la proroga del 30 giugno. Senza l’approvazione del bilancio consuntivo, il cui parere deve passare prima dai revisori dei conti,  per poi passare alle commissioni preposte e infine al consiglio comunale, non sarà possibile per il Comune di Catania ottenere alcun finanziamento da Stato e Regione. Se non arriva l’approvazione del bilancio non ci saranno gli stipendi. Realisticamente ha ammesso Parisi che gli stipendi degli impiegati comunali di luglio al 99% non arriveranno.

Più ottimista sembra essere il consigliere del gruppo consiliare Con Bianco per Catania Alessandro Porto il quale ha specificato che domani stesso i revisori dei conti dovrebbero consegnare il parere sul bilancio consuntivo. Le commissioni avranno in seguito cinque giorni di tempo (dal 28 luglio al primo agosto) per esaminare il documento che potrà essere approvato nella seduta consiliare del 2 agosto, o in quella del 4 agosto. Se il bilancio venisse approvato in  tali date verrebbero “salvati” gli stipendi degli impiegati comunali.

Nel pomeriggio sono arrivate anche le dichiarazioni dell’eurodeputato di Forza Italia Salvo Pogliese.

“Le passerelle mediatiche di Bianco, tra inaugurazioni di semafori e Union Jack fatta sventolare da Palazzo degli Elefanti per scongiurare la Brexit, che poi tanto bene non ha portato…, non possono più nascondere la situazione disastrosa in cui si trova Catania. Tant’è che anche il suo sodale Crocetta si è dovuto arrendere davanti all’evidenza commissariando il Comune di Catania per il rendiconto dell’Esercizio Finanziario 2015. Questo commissariamento – continua Pogliese – certifica non solo la situazione di assoluta emergenza dei conti del Comune (di questo i catanesi se ne erano già accorti anche solo con la sparizione degli autobus dell’Amt dalla circolazione) ma soprattutto evidenzia ancora una volta come Bianco e la sua giunta non siano in grado di governare la città. Catania sta colando a picco, è ora che Bianco se ne assuma la responsabilità.”.

 

13664761_10207151770007744_3616714_n

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.