fbpx
NeraPrimo Piano

Commissario dell’anticrimine aggredito in casa da due ladri

Un commissario dell’anticrimine, Nuccio Garozzo, è stato colpito con arma da taglio in casa sua per tentata rapina da parte di due malviventi.

I due ladri, durante la notte, si sarebbero introdotti nell’appartamento al secondo piano in Piazza Santa Maria di Gesù attraverso i balconi. Gli inquilini stavano dormendo ma il poliziotto si è svegliato a causa dei rumori.

Vedendosi scoperti, i due ladri hanno intrapreso una violenta colluttazione. Uno di loro avrebbe estratto un’arma da taglio, ferendo il commissario.

I due malviventi avrebbero quindi tentato la fuga gettandosi dal balcone. Il commissario è quindi sceso in strada, riuscendo a bloccare uno di loro. L’altro, invece, è riuscito a fuggire e la polizia è già sulle sue orme.

Il commissario ha riportato ferite di arma da taglio su diverse parti del corpo, curate con 80 punti di sutura nell’ospedale Vittorio Emanuele, da dove è stato dimesso, giudicate guaribili in 20 giorni.

L’aggressore

Si tratta di un gambiano di 18 anni, titolare di permesso di soggiorno per motivi umanitari rilasciato dal questore di Catania a ottobre 2017 su segnalazione della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Catania per motivi legati alla minore età e alla presenza di una grave patologia genetica.

Nel 2017, era stato denunciato per minacce, violenza, percosse e lesioni personali ai danni di dipendenti della comunità per minorenni che lo ha ospitato e anche per spaccio di sostanze stupefacenti. L’11 luglio scorso è stato denunciato per furto alla comunità dove risiedeva.

Il 18enne è stato trasportato al’ospedale Garibaldi in prognosi riservata per fratture multiple.

DS

nb In merito alla foto pubblicata sull’articolo dell’aggressione al commissario Garozzo, vogliamo puntualizzare che chi l’ha fornita è fonte sicura e affidabile. Nonostante sul web circolino le foto del commissario, per una questione di privacy abbiamo scelto di oscurare il volto.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button