fbpx
CronacheNewsNews in evidenzaSenza categoria

Triennio ricco per l’aeroporto di Comiso

L’aeroporto di Comiso chiude il suo primo triennio con un segno positivo. Dal primo volo inaugurale dei collegamenti di linea, atterrato il 7 agosto 2013, lo scalo ha registrato solo risultati positivi.

Il 2015 ha registrato un traffico di 372.963 passeggeri, con un incremento rispetto al 2014 del +13.6% e il primo semestre 2016 ha registrato 226.096 passeggeri, con un incremento medio rispetto al medesimo semestre dell’anno precedente del +38.4%.

I viaggiatori transitati nel periodo 1 gennaio-30 aprile 2016 sono stati infatti 141.518, con un aumento del 41.8% rispetto allo medesimo periodo del 2015. Il totale dei passeggeri aggiornato al 4 agosto 2016 è di 277.800 circa, con un incremento di 71.600 passeggeri (+35%).

Con tali performance, l’aeroporto di Comiso si avvia a superare entro il 2016 i 450.000 passeggeri, confermando in pieno gli obiettivi del Piano industriale 2015-2020.

Un trend positivo che porta lo scalo a puntare ad obiettivi sempre più importanti come l’ampliamento del numero di compagnie operanti nello scalo e l’accrescimento delle attività commerciali all’interno del terminal.

Rispetto agli anni precedenti, non solo i ricavi sono aumentati, ma i costi sono anche diminuiti. Tra questi si annoverano i 300 mila euro annui che Soaco sostiene per il pagamento del canone di concessione dell’infrastruttura aeroportuale (il cui valore complessivo è stato determinato in 40.275.280 di euro) consegnata dal Comune di Comiso alla Soaco a seguito di atto di concessione d’uso degli impianti dell’aeroporto di Comiso (sono pertanto assolutamente prive di fondamento e pretestuose le recenti affermazioni pubblicate a mezzo stampa secondo le quali Soaco sostiene annualmente costi per circa 4,5 milioni di euro per “affitto attrezzature”. Nessuna voce di costo dei conti economici Soaco riporta un simile valore).

Un percorso virtuoso che ha portato  l’aeroporto “Pio La Torre” di Comiso è stato inserito nel Piano nazionale degli aeroporti e grazie alla decisione della commissione europea di riconoscere Comiso come area separata da quella di Catania, saranno possibili quattro nuovi collegamenti con Francia, Germania, Inghilterra e Spagna.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button