fbpx
Economia

Come si comporteranno i mercati dopo il Coronavirus?

I crescenti timori causati dalla diffusione del coronavirus stanno causando un brusco arretramento delle borse, con gli investitori preoccupati dalle possibili ricadute sull’economia globale.

Solo a inizio anno il coronavirus era quasi del tutto sconosciuto, ma in poco tempo la minaccia di una pandemia globale e di pesanti ricadute sull’economia globale è diventata sempre più concreta.

Le persone sono comprensibilmente spaventate perché si tratta di una nuova infezione e gli sviluppi futuri non sono chiari. Per cominciare, questo virus ha un innegabile costo umano. Non sappiamo quante persone si ammaleranno né, cosa ancor più grave, quante saranno le vittime. Studiando la storia delle pandemie e i modelli che tendono a seguire, di solito ci sono focolai e forti aumenti dei contagi, che durano per un po’ di tempo ma poi si risolvono.

I mercati si riprenderanno?

Alla fine, la diffusione del virus rallenta e le persone tornano alla normalità, e lo stesso dicasi per i mercati. A questo punto non credo sia realistico aspettarsi un recupero rapido. La situazione potrebbe facilmente peggiorare prima di migliorare.

Ma alla fine i mercati recupereranno quota. Passerà anche questo. E quando sarà passato, gli investitori di lungo termine che riescono a ignorare il chiasso quotidiano – e i numeri in rosso che lampeggiano sui loro schermi – e a concentrarsi sul lungo periodo verranno premiati.

Nelle fasi di ribasso dei mercati, l’emotività prende il sopravvento. È naturale e del tutto comprensibile. Ma è proprio in momenti come questo che un orientamento di lungo termine è fondamentale. I mercati si riprenderanno e la vita tornerà alla normalità.

Ora più che mai, gli investitori devono comunicare il più possibile con i propri consulenti per fare il punto sui loro obiettivi di lungo termine visto che l’ultimo decennio, pur ricco di eventi potenti catastrofici per i mercati, è stato poi tra i più soddisfacenti in termini di performance sia sulle azioni che sulle obbligazioni.

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker