CronacheNewsSenza categoria

Colonnine elettriche in arrivo in tutta la Sicilia. Partenza da Catania

Il Piano della mobilità elettrica porto all'aumento delle colonnine elettriche in Sicilia. Da 59 a duemila in quattro anni

Da sogno a realtà. Solo pochi mesi fa un protocollo sottoscritto dal Comune di Catania e da Enel X, la Divisione del Gruppo Enel,dichiarava che sarebbero state installate 48 colonnine di ricarica per veicoli elettrici.

Oggi, la Sicilia, prevede di realizzare entro il 2022 il piano per la mobilità elettrica, le cui linee guida sono state recentemente approvate.

Tra le azioni strategiche da attuare a breve c’è la promozione della mobilità sostenibile.  Non solo con l’erogazione di sostegni finanziari per l’acquisto da parte dei cittadini di mezzi elettrici, ma soprattutto tramite l’infrastrutturazione elettrica del territorio con l’installazione di punti fissi di ricarica. l piano per la mobilità elettrica verrà portato a termine in quattro step, entro la fine del 2022.

Vi è un duplice obiettivo, ovvero quello di abbattere le emissioni di anidride carbonica del 20 per cento entro il 2020 e di “individuare un percorso graduale per la realizzazione di una rete che garantisca una capillare disponibilità dei punti di ricarica sul territorio, da mettere a punto progressivamente”.

Attualmente, su tutto il territorio regionale si contano 59 colonnine di ricarica.

Di queste, 50 sono a ricarica lenta, sette a ricarica rapida e due (a Catania e Augusta) a ricarica ultrarapida. Il piano prevede di realizzare entro il 2022 circa duemila punti di ricarica (1586 normali e 456 di ricarica veloce). «Poiché la modalità di trasporto prevalente in Sicilia è l’auto privata – si legge nel documento con le linee guida – data la carenza di infrastrutture e servizi inerenti le altre modalità di trasporto, la Regione rimane possibilista sul prevedere un incremento di punti di ricarica del 10-15 per cento rispetto al target totale previsto».

Grazie ad un finanziamento del Ministero dei Trasporti di 240 mila euro, entro il 2019 dovranno essere installate 24 infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici del tipo Normal Power in dodici Comuni, sei della provincia di Catania (Catania, Misterbianco, Belpasso, Aci Castello, Giarre e Acireale) e sei di quella di Messina (Messina, Taormina, Giardini Naxos, Milazzo, Sant’Agata di Militello e Santa Teresa di Riva).

Lo step successivo prevede la realizzazione di una rete composta da circa altre 800 infrastrutture di ricarica entro due anni. Per fornire le basi per una rete diffusa e uniformemente distribuita, sono previste 510 colonnine installate da Enel sull’intero territorio regionale. Successivamente l’obiettivo dichiarato è quello di “completare le eventuali maglie mancanti alla rete di ricarica regionale siciliana attraverso lo sviluppo di una strategia mirata che vede da una parte il rafforzamento delle stazioni da allestire presso i grandi poli attrattivi e dall’altra il contributo all’incremento dell’accessibilità del veicolo elettrico negli spostamenti a media e lunga percorrenza attraverso l’installazione di colonnine del tipo fast charging (ricarica veloce) lungo i principali assi di percorrenza regionali”.

Le 80 infrastrutture di ricarica veloce, infatti, dovranno essere localizzate in punti strategici lungo la rete stradale regionale.

M.L.C.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.