fbpx
Politica

Cna Impresa Donna contro l’abolizione della doppia preferenza di genere

Dopo la proposta giunta all’Ars sull’abolizione della doppia preferenza di genere, Floriana Franceschini, presidente di Cna Impresa Donna Sicilia, prende posizione.

«L’assemblea regionale siciliana è invitata da tutte le componenti di Cna Impresa Donna  – dichiara  – a svolgere il suo primario compito istituzionale: rappresentare gli interessi di tutti e “rimuovere ogni ostacolo che impedisca la piena parità degli uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica”.

La doppia preferenza di genere, introdotta nel 2013 con una legge regionale,non può essere intesa come “una gentile concessione politica” ma deve essere considerata “un atto dovuto”, volto al conseguimento di una disposizione costituzionale e per tale motivo non può essere abolita.

Riteniamo -continua – che la promozione di un maggiore equilibrio democratico nella rappresentanza politica debba essere considerato dai nostri deputati uno scopo nobile. Fermamente convinte che si debba lottare contro questa “Politica del Gambero”, chiediamo ai nostri deputati – conclude – un impegno responsabile e di totale opposizione a questa vergognosa deriva reazionaria»

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button