fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

Clown isteria: altri avvistamenti a Catania?

A Catania, nella frazione di San Giovanni Galermo, alcune ragazze avrebbero avvistato un pagliaccio armato di ascia nei pressi dell’Etna Bar. Nessuna aggressione ma tanta paura per l’ennesimo fatto di clown isteria

Catania – Dopo l’avvistamento di un pagliaccio a Motta Sant’Anastasia (La clown isteria arriva in Sicilia? Avvistato un pagliaccio nel catanese), poi rivelatosi un fotomontaggio (clown isteria: il video rivelatore), la clown isteria rischia di arrivare sul serio nel capoluogo etneo, seppure in una frazione, quella di San Giovanni Galermo.

A parlare dell’avvistamento è il sito newsicilia, ovviamente non possiamo dire con certezza che  si tratti di una notizia vera, va detto inoltre che nel caso dell’avvistamento di San Giovanni Galermo non ci sono foto. Nel caso precedente, invece, erano state pubblicate su un gruppo di Motta Sant’Anastasia alcune immagini di un realismo disarmante.

Se nel caso dell’avvistamento di Motta Sant’Anastasia nessuno ha parlato di aggressioni, nel caso dell’avvistamento di San Giovanni Galermo due ragazze avrebbero visto un pagliaccio che brandiva un’ascia.

Il tutto sarebbe avvenuto in una strada secondaria, qualcuno ha scritto nella zona Etna Bar:

clown-isteria

 

Ora non sappiamo se si tratti di uno scherzo, sappiamo però che siamo in presenza di una vera e propria clown isteria, non sappiamo però se la nevrosi sia nelle menti di chi si veste da pagliaccio o nelle menti di chi inventa queste terribili storie.

In effetti l’allucinazione è uno dei sintomi psichici dell’isteria. Inoltre nell’accesso convulso isterico, descritto dal neurologo francese Jean-Martin Charcot, vi sono quattro fasi: una epilettoide con convulsioni generalizzate (isteroepilessia), una fase delle contorsioni (o del clownismo), una fase degli atteggiamenti passionali, una fase delirante spesso con allucinazioni. Il carattere isterico inoltre è caratterizzato da un’anomalia caratterologica in cui domina il bisogno di apparire di più di quello che si è in realtà, di fronte agli altri e a sé stesso, di vivere più intensamente, spesso con prevalenza dell’immaginazione, di recitare una parte. Tali personalità sono considerate fra quelle bisognose di sentirsi valorizzate, spesso del tipo istrionico, a volte con tratti mitomani.

Da quello che è stato detto, dunque, possiamo dire che anche se non dovesse esserci alcun clown ci troviamo pur sempre in una fase di clown isteria, a dirlo non siamo noi, ma la stessa definizione di isteria (che in questo caso è da clown) fornita dall’enciclopedia Treccani.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button