fbpx
Cronache

Cimitero di Gravina, il sindaco Giammusso “Lavoriamo sodo per risolvere il problema”

La notizia della chiusura di un’area del cimitero di Gravina di Catania, per motivi igienico-sanitari è stata una doccia gelata per tutti gli abitanti del piccolo comune etneo.

La fuoriuscita di liquami dai nuovi loculi presi in gestione quattro anni fa ha impedito ai familiari dei defunti lì presenti di poter avvicinarsi ai propri cari.

Oggi, attraverso un post su Facebook il sindaco di Gravina, Massimiliano Giammusso si è espresso sulla questione, con l’obiettivo di tranquillizzare i Gravinesi.

Il post

«In seguito alla relazione dell’ufficiale sanitario decideremo il da farsi», recita il post.

«E saremo assolutamente rigorosi nell’accertare e sanzionare eventuali responsabilità, oltre a prendere i dovuti adeguati provvedimenti per il ripristino dei luoghi».

«Questa vicenda ha riacceso le luci sulle condizioni disastrose nelle quali abbiamo ereditato, tra gli altri, anche il cimitero comunale, specie nella parte vecchia. Io stesso da consigliere comunale ho più volte denunciato lo stato di questa struttura. Così come stiamo facendo per le altre emergenze da affrontare, diventate emergenze a causa dell’incuria e della superficialità con cui negli anni si sono affrontate e gestite le questioni, stiamo lavorando sodo per risolverle. Ovviamente non ci vorranno due mesi…».

«Dicevamo del Cimitero. Noi ci stiamo impegnando a fronteggiare le tre diverse emergenze che oggi lo investono. Risistemare la parte vecchia, con progettazione da rivedere e fondi da trovare. Acquistare nuovi loculi per sopperire alla carenza frutto di mancata programmazione (rimangono solo trenta loculi disponibili oggi). Fare ripartire l’iter per il nuovo cimitero comunale oggi inopinatamente bloccato» sono le promesse del sindaco.

Sembrerebbe che il Comune si stia impegnando, malgrado i giorni feriali, nella risoluzione di un grave problema che pende su uno dei luoghi fondamentali per la comunità.

 

 

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button