fbpx
NeraNewsNews in evidenzaPrimo Piano

Chiedono aiuto fingendosi feriti, poi aggrediscono madre e figlia di 6 anni

I due malviventi sono scappati solo perchè le urla di entrambe aveva attirato troppe auto

Catania – Momenti di panico per una madre e la sua piccolina di 6 anni fermate con l’inganno, aggredite e derubate.

Secondo quanto riportato dal giornale la sicilia, un pomeriggio scorso, intorno alle ore 18.30, mentre le due si trovavano in macchina in una strada non lontana dal centro commerciale “Porte di Catania”, sarebbero state fermate con il tranello e aggredite.

Secondo quanto raccontato da un ex vigile urbano, la donna al volante sarebbe stata attirata da due giovani, apparentemente feriti, che chiedevano aiuto accanto ad uno scooter Liberty 150 gettato in terra.

Vedendoli di fianco alla strada la donna si è subito fermata accostando l’auto per prestare loro soccorso. Di certo non si sarebbe aspettata che da li a poco i due giovani sarebbero diventati i loro aggressori.

Infatti, subito appena scesa dalla vettura, la donna è stata aggredita e spogliata dai due furfanti che, vedendo avvicinarsi altre auto, l’hanno lasciata in reggiseno.

Prima di darsi alla fuga i due hanno derubato la donna di 70 euro ed hanno picchiato la bambina di 6 anni per strapparle di dosso la collanina d’oro che le era stata regalata.

Sul posto pochi attimi dopo, attirato dalle urla della bambina, è intervenuto l’ex ispettore della polizia municipale di Catania che ha immediatamente provveduto a coprire donna con il giubotto catarifrnagente dell’auto ed a prestare l’aiuto necessario ad avvertire i familiari delle vittime.

Pochi minuti dopo sul posto sono infatti arrivati il marito e la figlia maggiore.

La famiglia, che abita nella zona in cui è avvenuta l’aggresione, ha deciso di non sporgere denuncia per paura di possibili ritorsioni.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button