fbpx
Psiche e Società

Che significato diamo alla parola divertimento?

Divertimento. Siamo a ferragosto una delle date in cui tutti ci organizziamo e quasi si percepisce l’obbligo di dover fare qualcosa, di divertirsi ad ogni costo.

Nell’articolo precedente ho parlato di aspettative sociali, oggi insieme ad esse aggiungiamo le nostre aspettative.

Le nostre aspettative sul divertimento e su come dovrebbe essere la nostra vita.

Vi è mai capitato di vedere in qualche film fare una lista “cosa da fare prima di morire”? Hai mai pensato di farla Come ti fa sentire scriverla o pensare di farlo?

Questa lista dipende da noi, da cosa vogliamo fare e come o casa intendiamo “prima di morire” compreso la parola divertimento. La parola divertimento può avere diverse accezioni e per ognuno di noi è ancora più differente; questo perché ognuno di noi si diverte a modo proprio. Insieme all’idea di divertimento entrano in gioco le nostre aspettative; non solo quelle sociali, come a Ferragosto o a Capodanno feste dove bisogna divertirsi per forza se no si è degli “sfigati”.

Durante il look down non uscire, si da un lato eravamo costretti a casa, ma contemporaneamente giustificarti a starci. Il giudizio se non esci sei uno sfigato non valeva più. Adesso è diverso c’è la smania “esco adesso prima che dobbiamo tornare a stare a casa”

Oggi, purtroppo viviamo con l’ansia del “non si sa mai”

Quindi ci dobbiamo divertire per forza, non si sa mai.

Anche se a pensarci bene, questa forzatura si percepiva anche prima del Covid-19 solo che si ammetteva con meno semplicità. Il Covid ci affatto ammettere quello che già sapevamo.

Forzarci a fare qualcosa ci toglie tutto il divertimento

Ma cosa intendiamo veramente per divertimento?

Come già detto ognuno si diverte a proprio modo, ma essere alla ricerca di un divertimento ad ogni costo ha un prezzo. Non ci permette di distinguere quello che veramente ci diverte da cosa, invece, ci fa stare a disagio.

Forzando questo nostro indicatore non ci divertiremo più, nemmeno per quello che consideriamo veramente divertente, insomma ci confondiamo.  Per riacquisire tale consapevolezza, possiamo rimettersi in contatto con la nostra parte emotiva, le nostre emozioni e sentimenti. Farsi la domanda: “questa cosa mi interessa veramente, ne vale la pena?”

Abbiamo fatto si che un aspettativa sociale diventasse la nostra, non c’è niente di male in questo, ma se ne siamo consapevoli potremmo sempre decidere, o meglio avere la libertà anche di non aderire a quell’aspettativa e godere anche di questo.

Avere la piena consapevolezza ci permette di non perderci, non forzarci, mettere in comunicazione la nostra parte emotiva e razionale purtroppo divise a questo proposito la psicoterapia aiuta a fare in modo che queste parti di noi comunichino in maniera naturale; è un lavoro difficili in cui anche l’autostima e avere fiducia in sé stessi entrano in gioco.

 

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker