fbpx
Cronache

Nomine dirigenti Asp, Fp Cgil Sicilia: “Valuteremo operato e obiettivi”

«Non siamo interessati alla discussione sui nomi, né sulle appartenenze, così come non ci interessano le provenienze geografiche. Siamo, invece, molto interessati alla pianificazione degli obiettivi». Così commenta la Funzione Pubblica Cgil Sicilia, riguardo le fresche nomine dei direttori generali delle Aziende sanitarie, prendendo una posizione chiara e netta che si basa sui contenuti.

La posizione dei sindacati sulle nomine

«Più volte abbiamo avuto modo di ricordare – affermano il segretario generale, Gaetano Agliozzo, e il segretario regionale Cgil Medici, Renato Costa – che le nostre aziende sanitarie erogano salute. Sono chiamate a dare risposte, a garantire l’accesso alle cure, ad occuparsi di prevenzione e a combattere l’insopportabile problema delle liste d’attesa. Ecco. Questi sono i veri ed autentici parametri sui quali dovrà essere valutato l’operato dei direttori generali. Su questo terreno saremo intransigenti».

«Vorremmo che finalmente le aziende provinciali indirizzino il proprio operare alla realizzazione della medicina del territorio – aggiungono – si occupino di assistenza domiciliare e medicina preventiva e rendano fruibili i presidi territoriali di assistenza (PTA) e di emergenza (PTE). Insomma una sorta di filtro territoriale che si frapponga tra il medico di medicina generale e il pronto soccorso dell’ospedale. La realizzazione quindi, di un vero percorso assistenziale in grado di soddisfare quei bisogni di salute che non necessitano di ricovero ospedaliero».

«Una organizzazione di questo tipo, certamente più agile e semplice, favorirebbe una migliore ed efficace riorganizzazione dei nostri ospedali: dal pronto soccorso ai reparti. E in queste condizioni potrebbe vedere la luce anche la tanto attesa integrazione ospedale territorio. Altrettanto urgente appare la necessità di completare la nomina dei vertici dei Policlinici universitari, aziende strategiche nello scenario della nostra rete ospedaliera».

«Crediamo che questa possa essere l’occasione per provare a rendere esigibile, anche nella nostra terra, il diritto alla salute. Per questi motivi senza pregiudizi e preconcetti – concludono Agliozzo e Costa – saremo vigili sull’operato delle nostre aziende, disponibili al confronto ma molto attenti alle necessità dei cittadini e degli operatori sanitari».

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker