fbpx
CronachePrimo Piano

Centrale della droga in via Capo Passero: arrestate due donne

Una centrale della droga in via Capo Passero gestita da due anni che si servivano anche di un bambino di appena quattro anni. Con queste accuse sono finite in manette le catanesi Rosaria Ventarolo di 38 anni e Lucrezia Catalano di 24.

A seguito di un controllo nella sopracitata via, i  militari di pattuglia hanno notato un uomo che, vedendo la
gazzella, si è introdotto repentinamente all’interno di uno stabile. I militari, scesi dall’auto, hanno velocemente guadagnato le scale trovandosi su un pianerottolo faccia a faccia con una donna. Quest’ultima, dopo lo stupore per l’inaspettato incontro, si è chiusa immediatamente in casa. A quel punto i carabinieri, con il supporto di altre pattuglie si posizionavano sul retro dello stabile. Qui hanno notato una donna che dalla finestra del terzo piano
lanciava in strada due buste di plastica nera contenenti mezzo chilo di marijuana ciascuna.

Gli occupanti dell’appartamento poi, nonostante i ripetuti inviti ad aprire la porta, non davano alcuna risposta obbligando i militari ad irrompere all’interno dell’abitazione. Dentro l’appartamento si  trovavano tre bambini di 2, 3 e 4 anni, dei quali quest’ultimo, come anche le due donne arrestate, con una busta di droga nelle mani. La perquisizione effettuata all’interno dell’abitazione ha constatato come l’abitazione costituisse una centrale di smistamento della droga.

Droga anche nell’armadio dei bambini

Rinvenute, nascoste nell’armadio della camera da letto ed in quello della stanza dei bambini, diverse buste di contenenti altra marijuana per un peso complessivo di kg 4,5 circa, 4 panetti integri di hashish e 3 tranci delle medesima sostanza per un totale di kg 3 circa.

Le due donne, assolte le formalità di rito, si trovano rinchiuse presso il carcere catanese di Piazza Lanza. I bambini, come disposto dalla Procura della Repubblica per i Minorenni di Catania, invece trasferiti dai nonni.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker