fbpx
CronacheGiudiziariaPrimo Piano

Cavallotti, dissequestrata Euro Impianti Plus

Cavallotti: "Di fatto non ci restituiscono nulla: solo debiti. Adesso aspettiamo la decisione sui padri"

Caso Cavallotti. Oggi il tribunale di Palermo ha disposto il dissequestro di Euro Impianti Plus, società il cui capitale sociale è intestato ai figli di Gaetano e Vincenzo Cavallotti.

Euro Impianti Plus e i sequestri a cascata

Il 3 maggio scorso è stata sciolta la riserva sul procedimento iniziato a dicembre 2011. A disporre il sequestro era stato il Tribunale di Palermo, sezione misure di Prevenzione presieduto dall’ex giudice Silvana Saguto. Giudici a latere Fabio Licata (condannato per falso) e Lorenzo Chiaramonte (indagato per concorso in corruzione).

Una segnalazione dell’amministratore giudiziario Andrea Modìca De Moahc avviava il procedimento di sequestro. Amministratore giudiziario dell’Euro Impianti Plus, l’avvocato Andrea Aiello. Nel 2013, attraverso una sua segnalazione il tribunale di Palermo sequestrava altre aziende di famiglia tra le quali una di progettazione nel 2014 fino ad arrivare nello stesso anno al sequestro della Gas Natural e Italgas. Ma tutto partiva dall’Euro Impianti Plus. Si tratta insomma di un sistema di sequestri a cascata che ha risucchiato il patrimonio dei Cavallotti, culminato con l’amministrazione giudiziaria della Italgas per i rapporti sospetti tra questa azienda e la Euro Impianti Plus.

«Da una parte c’è la soddisfazione perché il Tribunale ha riconosciuto la linea difensiva dei figli», nommenta a caldo Pietro Cavallotti.

«Però – prosegue – rimane il rammarico perché ci restituiscono 6 milioni di euro di debiti dopo quasi 8 anni di processo per cose che si potevano accertare benissimo nella fase delle indagini».

«Questo conferma il sospetto che da parte di precedenti giudici c’era il disegno di distruggerci, senza leggere le carte, senza leggere alcunché. Tutto questo si poteva benissimo evitare», osserva Pietro Cavallotti che non risparmia il drammatico bilancio attuale: «Centocinquanta famiglie non avrebbero perso il posto di lavoro. Un’azienda sana, pulita, sarebbe ancora sul mercato e questo “grazie” agli amministratori giudiziari che nonostante gli esposti sono ancora in carica. Il rammarico è questo. Di fatto non ci restituiscono nulla: solo debiti. Adesso aspettiamo la decisione sui padri».

LEGGI ANCHE:

Pietro Cavallotti come Peppino Impastato

Tags
Mostra di più

Debora Borgese

Non ricordo un solo giorno della mia vita senza un microfono in mano. Nata in una famiglia di musicisti da generazioni, non potevo non essere anche io cantante e musicista. Ma si registrano nomi di rilievo anche tra giornalisti e critici letterari, quindi la penna è sempre in mano insieme al microfono. Speaker radiofonica per casualità, muovo i primi passi a Radio Fantastica (G.ppo RMB), fondo insieme a un gruppo di nerd Radio Velvet, la prima web radio pirata di Catania e inizio a scrivere per Lavika Web Magazine. Transito a Radio Zammù, la radio dell'Università di Catania, e si infittiscono le collaborazioni con altre testate giornalistiche tra le quali Viola Post e MuziKult. Mi occupo prevalentemente di politica, inchieste, arte, musica, cultura e spettacolo, politiche sociali e sanitarie, cronaca. Diplomata al Liceo Artistico in Catalogazione dei Beni Culturali e Ambientali - Rilievo e restauro architettonico, pittorico e scultoreo, sono anche gestore eventi e manifestazioni, attività fieristiche e congressuali. Social media manager e influencer a detta di Klout. Qualche premio l'ho vinto anche io. Nel 2012, WILLIAM SHARP CONTEST “Our land: problems and possibilities, young people’s voices” presentando lo slip stream “I go home. Tomorrow!” Nel 2014, PREMIO DI GIORNALISMO ENRICO ESCHER: mi classifico al 2° posto con menzione speciale per il servizio sulla tecnica di cura oncologica protonterapica e centro di Protonterapia a Catania. Nel 2016, vince il premio per il miglior programma radiofonico universitario 2015 "Terremoto il giorno prima. Pillole di informazione sismica" al quale ho dato il mio contributo con il servizio sul terremoto in Irpinia. Ho presentato un numero indefinito di eventi musicali, tra i quali SONICA di Musica e Suoni, e condotto dirette radiofoniche sottopalco per diverse manifestazioni musicali come il Lennon Festival, moda e concorsi di bellezza. Ho presentato diversi libri di narrativa e politica, anche alla Camera dei Deputati. Ho redatto atti parlamentari alla Camera, Senato, Assemblea Regionale Siciliana e mozioni al Comune di Catania. Vivo per la musica. Adoro leggere. Scrivo per soddisfare un bisogno vitale. La citazione che sintetizza il mio approccio alla vita? Dai "Quaderni di Serafino Gubbio operatore" di L. Pirandello: "Studio la gente nelle sue più ordinarie occupazioni, se mi riesca di scoprire negli altri quello che manca a me per ogni cosa ch'io faccia: la certezza che capiscano ciò che fanno".

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker